Un cantiere di lungo corso

Il nuovo brano di Sciarrino al Festival delle Nazioni

Recensione
classica
Festival delle Nazioni Città di Castello
02 Settembre 2011
La produzione di Sciarrino si è concentrata da anni sulla vocalità, cercandone - e centrandone - una declinazione personale ed originale, memore del carattere liminare e umbratile del suono secondo la consolidata ricerca sciarriniana, ma attenta alla percezione e al risalto emotivo della parola. 'Cantiere del poema', novità commissionata e proposta dal Quarantaquattresimo Festival delle Nazioni, ha confermato queste ormai salde qualità di concezione e scrittura, applicate qui a testi assai diversi, e propiziatori di diversificate soluzioni anche in rapporto al corteggio dei dieci strumenti, sì da giustificare il titolo: il primo testo, denso e antifrastico, dello stesso Sciarrino , ha forse scavato la traccia più profonda nell'ascolto del pubblico (abbastanza numeroso, per una proposta impegnativa estesa a due capisaldi del primo Novecento cameristico), in virtù della sua adamantina condotta formale che poggia su due opposti registri vocali. L’acustica della Cattedrale di Città Castello ha dato piena risonanza a tali forme (e alla relazione con lo strumentale, tanto dosato quanto incisivo), ma non ha reso giustizia alla percezione della parola nell’ultimo brano della raccolta, dedicato al testo più lungo (un montaggio da 'Le Grazie' del Foscolo) e più allusivo al procedimento associativo eppure episodico che Sciarrino sembra proiettare, partendo da quel testo poematico, fin nella costruzione dei nessi tra figure sonore. Assai bravi comunque tutti gli applauditi interpreti (Anna Radziejewska e l'Ensemble Algoritmo diretto da Marco Angius), curatissimi anche nell'altro lavoro sciarriniano (Tre duetti con l'eco), così come nel Mallarmé-Ravel e nello Janacek del Concertino (solista, precisa e granitica, Anna D'Errico).

Interpreti: Anna Radziejewska, voce Anna D'Errico, pianoforte

Orchestra: Ensemble Algoritmo

Direttore: Marco Angius, direttore

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.