"Stradella" liquido

Nella rinnovata Opéra di Wallonie l'opera giovanile di Franck

Recensione
classica
Opéra Royale de Wallonie, Liegi, Belgio
19 Settembre 2012
Musica epigonale, eclettica, quella del quindicenne César Franck per la prima versione di "Stradella", opera in tre atti su libretto d’Emile Deschamps e Emilien Pacini riorchestrata da Luc Van Hove, in prima mondiale all’Opéra Royal de Wallonie a Liegi, città natale del compositore. La musica, infatti, è un ping pong di citazioni: inevitabile il belcanto belliniano come la tradizione di matrice francese (Gounod, Mayerbeer) ma anche Beethoven, Wagner… L’occasione è la riapertura del teatro dopo 2 anni e 4 mesi di intensi e radicali restauri integrali che hanno riportato la sala allo splendore belle époque. Lavori che si sono protratti solo 2 anni e quattro mesi. Un tempo record come rivendica orgoglioso direttore artistico, l’italiano Stefano Mazzonis. Prima volta anche per il regista cinematografico Jacob van Dormael che firma una mise en scène… bagnata ma estremamente interessante: piscina (la laguna di Venezia), pioggia, specchio inclinato che ribalta la prospettiva, un pozzo-disco immagine della luna che si specchia nell’acqua sul quale è proiettato la danza dei corpi dei protagonisti, che affondano riflesso nel cielo… passerelle, stivaloni di gomma alla vita ma anche protagonisti a mollo. Evidentemente si voleva anche mostrare la dotazione tecnologica del nuovo palcoscenico. Altra perla è la direzione musicale di Paolo Arrivabeni che enuclea ogni piega della partitura così eclettica. L’orchestra della maison docile lo segue in un’esecuzione impeccabile come rimarchevole sono i due cori: Cæurs e Maitrise (coro di voci bianche, n.d.r.) dell’Opéra Royal de Wallonie. Il cast è l’elemento un po’ più debole: grande Stradella di Marc Laho, In ordine decrescente di gradimento: Philippe Rouillon (Le Duc), Werner Vam Mechelen (Spadoni) e Isabel Kabatu (Leanor).

Interpreti: Leonor : Isabelle KABATU Stradella : Marc LAHO Spadoni : Werner Van MECHELEN Le Duc : Philippe ROUILLON Pietro : Xavier ROUILLON Michael : Giovanni IOVINO Beppo : Patrick MIGNON Un Officier : Roger JOAKIM

Regia: Jaco van Dormael

Scene: Vincent LEMAIRE

Costumi: Olivier BERIOT

Orchestra: Orchestre de l'Opéra Royal de Wallonie

Direttore: Paolo Arrivabeni

Coro: Choeurs & Maîtrise de l'Opéra Royal de Wallonie

Maestro Coro: Marcel SEMINARA

Luci: Nicolas OLIVIER

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

All’Oper Frankfurt interesse per l’opera di Richard Wagner, assente da qualche stagione

classica

Dopo Anversa l’Opera delle Fiandre porta a Gand Der Schmied von Gent, ultima opera di Franz Schreker 

classica

A Parigi un riuscito allestimento de La dame blanche, storico successo della sala parigina