Rossini alle Terme

Firenze: Il Viaggio a Reims debutta al Teatro del Maggio

Recensione
classica
Teatro Comunale di Firenze Firenze
Gioachino Rossini
20 Gennaio 2012
Viaggio a Reims per la prima volta al Comunale di Firenze per il Teatro del Maggio. E allora cominciamo da Daniele Rustioni, che, a ventotto anni, dirige con notevole incisività e carattere, sulla scia abbadiana di un Rossini affilato e brioso, ma dal tratto profondamente seducente. Forse, e sottolineiamo forse, è ancora da venire per Rustioni il divertimento, l’abbandono pieno alla follia rossiniana che qui assume un sapore così particolare, tra autocitazioni e un già percettibile distacco, quasi cosciente dell’estrema fragilità del pretesto teatrale di questa celebrazione Ancien Régime. Più che bene, comunque ! Azzeccato il quartetto femminile Auxiliadora Toledano, Corinna, Leah Partridge, la Contessa di Folleville, Marianna Pizzolato, Melibea, Eva Mei, Madama Cortese, a cui va aggiunta l’arpista Susanna Bertuccioli, alter-ego sonoro di Corinna che la raggiunge in scena per il finale. Meno vicina allo spirito e alle richieste della vocalità rossiniana ci è sembrata la componente maschile del cast, fatta eccezione per i due tenori di grazia, il valente Lawrence Brownlee e il simpatico Yijie Shi, Libenskof e Belfiore, e per l’esperta arte scenica di Bruno Praticò, Trombonok. Dobbiamo dire però che non per la prima volta, e non certo per colpa di Rustioni, il tutto ci è sembrato andato in scena in debito di prove, sia di sala (ammesso che si facciano ancora le prove di sala) che d’insieme. Poco da dire sulla messinscena, dall’oramai sfruttata riambientazione in una Spa termale di un Novecento (neoclassico ? razionalista ?) alquanto generico, alla regia, in cui le maglie di una sorta di “ponnellismo” oramai logoro si slargano in digressioni e notazioni (palloni pagliacci bandiere) che ci sono parse tavolta francamente inappropriate. Buon successo.

Note: Seconda recita del 20.01.2012

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Scala: delude la regia di Frederic Wake-Walker per l'opera di Strauss, applausi al cast e al direttore Franz Welser-Möst. In un cameo c'è anche il sovrintendente Pereira

classica

Dopo l’Orlando furioso, il direttore Diego Fasolis e il regista Fabio Ceresa presentano la Dorilla in Tempe al Teatro Malibran di Venezia 

classica

Per la prima volta a Copenhagen Il trionfo del Tempo e del Disinganno di Händel in una versione scenica firmata da Ted Huffmann