Pastorale trendy

"Il nascimento dell'Aurora" di Albinoni a Vienna

foto Christian Husar
foto Christian Husar
Recensione
classica
Wiener Kammeroper Wien
06 Maggio 2010
Di fronte al teatro musicale dei secoli passati si discute in modo acceso di attualizzazione e di fedeltà ai canoni storici. Ma nel caso del repertorio barocco si assiste quasi sempre a una tipologia di spettacolo falsata. Si vogliono rispettare, talvolta con feticismo, dei criteri solo superficialmente legati al momento storico della nascita della composizione (strumenti storici, diapason, accordatura, ecc.); ma non ci si vogliono porre troppi problemi nel voler provare a ricreare spazi e contesti esecutivi che potrebbero eventualmente tradurre quelli del passato per un pubblico contemporaneo. Tutto questo giro di parole per dire che il teatro barocco non sempre funziona se concepito e letto attraverso le cordinate del teatro moderno. Torniamo al nostro caso, a "Il nascimento dell'Aurora", di Tomaso Albinoni, una festa pastorale commissionata nei primi del ‘700 in occasione del compleanno di un’imperatrice. Eseguita come questa sera risulta però statica e a tratti priva di estro e brio. Forse sono mancate voci di grande carisma, agili e duttili, in grado di coinvolgere e sedurre il pubblico; oppure la scelta di tempi dilatati, senza particolare attenezione agli slanci agogici e dinamici, non è riuscita a caratterizzare e plasmare gli affetti sulla scena; casomai la regia avrebbe potuto – come ha poi ben fatto nella seconda parte – creare contrappunti di movimenti e gesti per bilanciare la ripetitività formale della partitura. Se alle corti barocche la messa in scena di un’opera del genere per il pubblico era un momento di svago e uno spazio di incontro sociale, un pretesto per rappresentare e rappresentarsi, perché oggi non si fa che musealizzare il repertorio? Avvicinare queste opere con i metodi d’ascolto e di fruizione odierni non sembrerebbe la via da percorrere.

Interpreti: Dafne: Krisztina Jónás Zeffiro: Gerhard Hafner Flora: Solmaaz Adeli Apollo: Armin Gramer Peneo: Wilhelm Spuller

Regia: Kristine Tornquist

Scene: Duncan Hayler

Costumi: Markus Kuscher

Orchestra: Clemencic Consort

Direttore: René Clemencic

Luci: Michael Hofer

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Trionfo personale per Placido Domingo nei Due Foscari di Giuseppe Verdi al festival del Maggio Musicale Fiorentino

classica

Il pianista toscano per Milano Musica

classica

Nuovo allestimento, molto su due ruote, di Elisir d’amore a Catania