Otello alla Wilde

Al Regio di Torino "Una tragedia fiorentina" di Zemlinsky, abbinata a "Schicchi"

foto Ramella & Giannese © Teatro Regio Torino
foto Ramella & Giannese © Teatro Regio Torino
Recensione
classica
Teatro Regio Torino
Zemlinsky/Puccini
21 Marzo 2014
1917 una, 1918 l'altra, la prima volta in scena. Stesso set: Firenze, rinascimentale e preraffaellita una, dantesca e sardonica l'altra. Macabre tutte e due. Atti unici tutti e due. Al Teatro Regio di Torino hanno messo insieme "Una tragedia fiorentina" di Alexander Zemlinsky e "Gianni Schicchi" di Puccini. Le analogie sono finite lì, ma la cosa funziona molto bene, e la regia di Vittorio Borrelli è cautamente espressionistica per Zemlinsky (e ci sta, visto che Alban Berg fu influenzato da questo drammone erotico e cupo per il suo "Wozzeck", altro incubo di corna e femmine calienti e mariti babbei prima e vendicativi poi) e niente pacchiana per "Schicchi". Stefan Anton Reck dirige bene, unificando un poco, per quanto possibile, quelle due opere contemporanee. Compagnie di canto davvero davvero buone: i parenti di Buoso hanno un ritmo e una energia favolosi, Serena Gamberoni è una Lauretta dolce e Alessandro Corbelli uno Schicchi niente cialtrone. Con Zemlinsky abbiamo ascoltato alcuni minuti davvero "alla Richard Strauss", per qualità del canto e dell'orchestra; Angeles Blancas Gulin formosissima e accettabilmente sexy, eccellente; ma chi ci ha dato le vertigini, ricordandoci che questo Zemlinsky viene da Oscar Wilde, e dall'Otello di Shakespeare, è stato il bass-baritone Mark S. Doss, classe 1957, afroamericano formidabile in emissione e presenza scenica: come accade in alcune recenti regie di quest'atto unico, anche Borrelli fa strangolare la moglie adultera dal marito tradito, dopo l'amante allo spiedino; ci sta (anche se Zemlinsky li rimette insieme tutti eccitati, i consorti), Bianca se lo merita.

Regia: Vittorio Borrelli

Direttore: Stefan Anton Reck

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Beryl Korot e Steve Reich riflettono su scienza e tecnologia

classica

All’Oper Frankfurt il regista australiano firma un allestimento dell’opera straussiana che raccoglie consensi nonostante una lettura controversa 

classica

All’Oper Frankfurt interesse per l’opera di Richard Wagner, assente da qualche stagione