Opera-fumetto

Il nuovo "Trovatore" delle Festwochen ha una regia originale e di forte impatto

Recensione
classica
Wiener Festwochen Vienna
Giuseppe Verdi
26 Maggio 2013
Risolvere i problemi legati alle peculiarità drammaturgiche del "Trovatore" e creare un concetto registico funzionante non è cosa da poco. Per l’ultima produzione del ciclo delle Festwochen dedicato a Verdi (dopo "Rigoletto" e "Traviata" delle scorse due stagioni che non avevano saputo entusiasmare pubblico e critica) il compito è stato affidato a Philipp Stölzl, regista proveniente dal cinema ma con ampia esperienza e successo nell’ambito del videoclip. E questo background un po’ si percepisce, perché Stölzl decide di mettere in scena le sconnesse e spesso assurde vicende dell’opera verdiana come se dovesse coordinare un evento rock, creando scene-vignette di forte impatto che si impregnano nella mente dello spettatore come gli hit e le coreografie durante in un concerto in uno stadio. Con l’unica differenza che tutto avviene su una scena dalle dimensioni compresse, spoglia (due facciate bianche illuminate a volte da proiezioni ispirate da quadri di Dali e Magritte) e pendente, che non di rado ha creato insicurezze di equilibrio ai cantanti. Il cast è giovane (dominato dalle ottime Carmen Giannattasio e Marina Prudenskaya) e ha saputo aprirsi a una concezione drammaturgica che non ha voluto solo mettere in risalto le loro qualità vocali, ma anche quelle mimiche e attoriali. In un Trovatore dominato dall’ironia e dal parossismo, i personaggi si comortavano come se fossero appena scappati dalle pagine di un fumetto. Wellber ha condotto di conseguenza, con slancio e plasticità. Una produzione più che riuscita.

Note: Cooproduzione Staatsoper Unter den Linden Berlin.

Interpreti: CONTE DI LUNA / Artur Ruciński LEONORA / Carmen Giannattasio AZUCENA / Marina Prudenskaya MANRICO / Yonghoon Lee FERRANDO / Gábor Bretz INEZ / Mara Mastalir RUIZ / Tomáš Juhás un vecchio zingaro / Karl Huml un messo / Nenad Marinković

Regia: Philipp Stölzl

Scene: Conrad Moritz Reinhardt e Philipp Stölzl

Costumi: Ursula Kudrna

Orchestra: ORF Radio-Symphonieorchester Wien

Direttore: Omer Meir Wellber

Coro: Arnold Schoenberg Chor

Maestro Coro: Ottokar Prochazka, Michal Kucharko

Luci: Olaf Freese

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Con il trittico Professor Bad Trip eseguito da un ensemble di studenti del Conservatorio di Milano si è concluso il 33° Festival di musica contemporanea

classica

Alexander Lonquich e l’Orchestra Giovanile Italiana al Maggio Musicale Fiorentino con la prima versione della Quarta di Bruckner

classica

Successo all’Opera di Colonia per “INES”, la nuova opera di Ondřej Adámek con libretto di Katharina Schmitt, che proietta il mito di Orfeo in un mondo ferito da una catastrofe nucleare