Notte americana

Emanuele Arciuli e la Filarmonica di Torino negli Usa di oggi

l'Orchestra Filarmonica di Torino (foto Edoardo Piva)
l'Orchestra Filarmonica di Torino (foto Edoardo Piva)
Recensione
classica
Orchestra Filarmonica di Torino
16 Febbraio 2010
Certo, all’inizio e alla fine per tenere dentro la gente ci sono anche il K319 e il K467 di Mozart, ma in questo programma disegnato con intelligenza sorniona dal direttore artistico Nicola Campogrande, Emanuele Arciuli arriva con il suo sorriso sornione e intelligente a spiegarci che sta per proporci innanzitutto un piccolo assaggio dalla favolosa collezione di variazioni che le sue amicizie americane hanno procurato alla sua tastiera intorno a “Round Midnight” di Thelonious Monk: così, ecco come il più americano dei pianisti italiani ci propone una finestra su come oggi si scrive musica contemporanea negli Stati Uniti; come scrivono, gli americani? scrivono bene! scrivono colto! scrivono roba emozionante, sofisticata e bella! Dopo Rzewsky, Harbison e il sempre scintillante e sardonico Daugherty, ecco la prima esecuzione mondiale che Arciuli si è portato qui dal freddo Minnesota della sua amica compositrice Ann Millikan, su committenza dell’Orchestra Filarmonica di Torino: “Ballad Nocturne” ha sapore jazzistico velato, sognante, e si stende per tredici minuti sotto un chiaro di luna delicato, che rivela quanto Millikan sia vicina (come vicina per militanza è) alla sensibilità animistica dei nativiamericani. C’è spirit, in questo nocturne, che si può ascoltare sempre con Arciuli in un cd Innova, etichetta indipendente distribuita da Naxos.

Interpreti: pf Emanuele Arciuli

Orchestra: Orchestra Filarmonica di Torino

Direttore: Micha Hamel

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Firenze il teatro del Maggio propone il capolavoro di Leonard Bernstein 

classica

All’Opéra du Rhin di Strasburgo riproposto dopo 158 anni il primo lavoro di Jacques Offenbach per l’Opéra Comique 

classica

Roma, Accademia Nazionale di Santa Cecilia: un imprevisto iniziale ha fatto cominciare in ritardo il concerto, ma l’attesa è stata ripagata pienamente