Notorius all'opera

A Goteborg: da Hitchcock a Gefors

Recensione
classica
Opera di Göteborg
Hans Gefors
19 Settembre 2015
La Göteborgsoperan da 20 anni è laboratorio di innovazione: un’opera-commissione ogni anno. Ora, il… sacrilegio: un libretto tratto da un film, Notorius di Alfred Hitchcock. Forse è la prima volta che la sceneggiatura di un film ispira un libretto d'opera. E che opera! Tre ore di musica di Hans Gefors, compositore eclettico ed epigono di Claudio Monteverdi. Una musica venata da ritmi brasiliani anni '50 ma d che descrive lo stato psicologico dei personaggi, evocativa dei sentimenti, delle emozioni e delle situazioni che si accavallano in scena, inserendosi nel solco pucciniano, avendo come stella polare l'aria che spicca il volo dall' infinito flusso della declamazione ad evidenziare i momenti topici del pathos emozionale dei personaggi che in un serrato crescendo drammatico raggiunge il climax nel secondo atto, il momento più intenso della composizione. Mattatrice della serata Nina Stemme, per la quale l'opera è stata composta: con i suoi 22 numeri è praticamente sempre in scena . Lascia gioire il pubblico del suo versatile strumento di soprano drammatico wagneriano. Ma anche gli altri personaggi sono diamanti che brillano di luce propria: Katarina Karnéus (Madame Sebastian), John Lundgren (Devlin), Michael Weinius (Alex Sebastian), i cui ruoli sono stati scritti esplicitamente per loro. La regia di Keith Warner gioca sull'alternanza del dramma rappresentato e di quello sulla pellicola, salvo il finale dove Alicia oscilla incerta tra l'aldilà e le braccia di Devlin, per scegliere infine queste ultime. Unica forzatura, di vaga reminiscenza dell'Orfeo gluckiano? Orchestra e coro in stato di grazia. La composizione ha brillantemente superato la prova del pubblico che ha tributato anche sbrigative standing ovation.

Interpreti: Nina Stemme, Alicia Hauser John Lundgren, Devlin Michael Weinius, Alex Sebastian Katarina Kornéus, Madame Sebastian Jón Ketilsson, Prescott Anders Lorentzson, Padre di Alicia Jonas Olofsson, Emil Hupka Ingemar Andersson, Agente 1 Nattias Ermedahl, Agente 2 Mats Persson, Agente 3 Mats Almgren, Agente 4

Regia: Keith Warner

Scene: David Fielding

Costumi: David Fielding

Coreografo: Michael Barry

Orchestra: Göteborgsoperans Orkester

Direttore: Patrik Ringborg

Coro: Göteborgsoperans Kör

Luci: John Bishop, luci; Dick Straker, video

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Napoli: il tenore da Cavalli a Provenzale

classica

A Bologna l’opera di Verdi in un nuovo allestimento di Jacopo Gassman, al debutto nella regia lirica, con la direzione di Daniel Oren

classica

Al Teatro La Fenice grande successo per l’opera di Arrigo Boito nel brillante allestimento di Moshe Leiser e Patrice Caurier con la solida direzione musicale di Nicola Luisotti