Non è il miglior Candide possibile

Per la prima volta a Firenze l'opéra-comique di Leonard Bernstein

Recensione
classica
Maggio Musicale Fiorentino Firenze
Leonard Bernstein
23 Maggio 2015
Sabato all'Opera di Firenze il “Candide” di Leonard Bernstein per il 78° Maggio era partito male: John Axelrod dal podio ci ammanniva un'ouverture massiccia e un po' imprecisa, nell'assenza pressoché completa di scena fissa le voci, per lo più piccole assai, stentavano a farsi sentire, in compenso, in omaggio all'equazione stabilita dal regista Francesco Micheli per cui Westphalia = fabbrica, una massa imponente di figuranti in tuta blu inscenava una specie di “Metropolis” farsesca, spostando e spingendo scatoloni, carrelli e armadi che poi si rivelavano per custodie dei personaggi-burattini come Cunegonda e Paquette (burattine perché ? tutto sommato sono due ragazze dalle notevoli risorse...) in frenetiche azioni e controazioni il cui effetto generale era quello di una macchina mandata a gran velocità, ma senza sapere bene dove, anche perché la selezione dei numeri dall'esuberante materiale bersteiniano del Candide, ammessa e corrente, per carità, non si traduceva in sequenze sempre comprensibili. Poi le cose miglioravano: Laura Claycomb, arrampicata in una divertente gabbia-guardinfante, ha cantato da consumata soubrette “Glitter and be gay”, ed è scattato il primo applauso, e ci siamo divertiti con Cacambo drag queen contornato dai coristi maschi in veste di ardenti tardone spagnole, con le gustose apparizioni di Chris Merritt e Anja Silja nei panni del Governatore e della Vecchia Dama, con diverse invenzioni sceniche piacevoli, come le testone carnevalesche dei re detronizzati di Venezia. Ma ad incarnare lo spirito elegante e libertario di Candide e il suo rigore di pensiero c'era solo una magnifica Lella Costa come narratore e voce di Voltaire, lieve sui suoi pattini a rotelle. Buon successo finale dunque, e repliche fino al 3 giugno.

Note: Nuovo allestimento in lingua originale con sopratitoli in italiano e in inglese

Interpreti: Voltaire: Lella Costa, Candide: Keith Jameson, Maximilian: Gary Griffiths, Cunegonde: Laura Claycomb, Pangloss: Richard Suart, Old Lady: Anja Silja, Paquette: Jessica Renfro, Governor: Chris Merritt, King I: Timothy Martin, King II: Luca Casalin, King III: Hector Guedes, King IV: Christopher Turner, King V: Alessandro Calamai, Ragotski: Christopher Lemmings, Cacambo: Gianluca Di Lauro, Attori e figuranti dell'Associazione culturale Teatro della Limonaia

Regia: Francesco Micheli

Scene: Federica Parolini

Costumi: Daniela Cernigliaro

Corpo di Ballo: Maggiodanza

Coreografo: Alfonso Cayetano

Orchestra: Orchestra del Maggio Musicale Fiorentino

Direttore: John Axelrod

Coro: Coro del Maggio Musicale Fiorentino

Maestro Coro: Lorenzo Fratini

Luci: Angelo Linzalata

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Due produzioni video e musica live di Anagoor: Et manchi pietà al Ravenna Festival e la novità Mephistopheles al Napoli Teatro Festival Italia

classica

Muti ha diretto la Terza Sinfonia per la Siria, il Quartetto Noûs ha omaggiato Piero Farulli

classica

Il Gonfalone ha riaperto col concerto di un giovane e ottimo duo viola-pianoforte: Martina Santarone e  Antonino Fiumara