Mitchell l'ultraterrestre

The Sound Ensemble di Roscoe Mitchell, evento della XV edizione di Metastasio Jazz 2010

foto Luca Buti
foto Luca Buti
Recensione
jazz
Metastasio Jazz Prato
08 Febbraio 2010
L’esplorazione continua. Roscoe Mitchell, sul palco del Metastasio, con il suo Sound Ensemble prosegue imperterrito, rigoroso, il percorso nei fascinosi e inquietanti meandri del suono. Da quaranta anni, con l’Art Ensemble of Chicago ma più coerentemente nei suoi progetti, ci accompagna in mondi straordinari, tra gli artisti più visionari del novecento musicale. La serata si apre con atmosfere di pura contemporaneità. Un minuetto dove i cinque sovrappongono, accumulano brevi schegge, grumi di suoni che mai si incontrano ma vanno magicamente a costruire un sospeso collage antiretorico dal profondo valore emozionale. Mitchell passa dall’alto al soprano sconvolgendo radicalmente il panorama appena costruito. Segue in solo una lunga linea retta sempre uguale a se stessa, che succhia energia da un magistrale uso della respirazione circolare. Improvvisamente, coinvolgendo gli altri, la linea si rompe in più punti, si frantuma in un linguaggio contorto, nervoso, ossessivo. Ritmo serrato, orgia sonora dove risaltano il drumming tribale di Tabbal e il sound denso di Shahid. La tromba di Ragin cerca suoni lunghi e limpidi, echi dalla classicità. La chitarra di Barefield si muove elegante in un sottofondo appena accennato. I quadri sonori del concerto si sviluppano in questa prassi ciclica, da lirismi a infuocati tunnel ipnotici. Mitchell ci mostra impietoso le viscere dei suoi strumenti, li smonta, pretende da se e da loro l’impossibile, ottenendolo. In questo processo ci racconta e mantiene viva la storia del sax jazz, Young, Hodges, Parker, Coleman, Dolphy. Anche poeta e cantore della grandezza della musica nera, blues, swing, funky, free. Un ensemble colmo di fermenti creativi guidato da un ultraterrestre.

Interpreti: Roscoe Mitchell - ance; Hugh Ragin - tromba; Spencer Barefield - chitarra; Jaribu Shahid - contrabbasso; Tani Tabbal - batteria.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Reportage dal PUNKT Festival di Kristiansand, tra live remix e idee della musica che sarà

jazz

Successo per la European Jazz Conference a Novara, che ha proposto un modo nuovo, e fresco, di raccontare il jazz italiano

jazz

Si è chiusa la trentaquattresima edizione di Ai confini tra Sardegna e jazz, con Exploding Star Orchestra, Matthew Shipp e qualche defezione