Lucia secondo Donizetti

A Liegi Lopez Cobos dirige l'edizione critica

Recensione
classica
Opéra Royale de Wallonie, Liegi, Belgio
Gaetano Donizetti
22 Novembre 2015
E’ un ritorno alle origini la Lucia di Lammermoor voluta per l’Opera di Liegi dal suo direttore Stefano Mazzonis che ne è anche il regista. Una nuova produzione che è innanzitutto la realizzazione del desiderio di tornare ad una partitura ed ad una interpretazione il più possibile fedele all’idea creativa originale di Donizetti, senza i tagli e le modifiche successive, e con l’utilizzo di quella glassarmonica a cui lo stesso Donizetti, com’è noto, dovette rinunciare per la prima dell’opera al San Carlo di Napoli. Un’operazione possibile anche perchè sul podio c’è il maestro Jesus Lopez Cobos che sulla partitura originale ha lavorato a lungo e si sente che ne ha soppesato ogni sfumatura. E poi il cast di voci è eccellente a cominciare dal soprano francese Annick Massis nel ruolo di Lucia, la sua voce sale e discende con grande naturalezza ed eleganza, è appassionata quando occorre ma con misura e raffinatezza,è leggera e pura nel belcanto, ma per questo non meno emozionante. Non meno ben scelto è stato Celso Albelo, al suo debutto all’Opera di Liegi, che regala al ruolo di Edgardo il suo bel timbro e la sua bravura, una giusta potenza, e tutta la sua sensibilità d’interprete. E' un crescendo di applausi, con i famosi venti minuti di pazzia di Lucia che inchiodano nota dopo nota lo spettatore, scena resa ancora più irreale dai suoni un po’ lunari della glassarmonica. Convincenti anche il belga Ivan Thiron nella parte di Enrico, il mezzosoprano Alexise Yerna in quella di Alisa e Roberto Tagliavini come Raimondo, un po’ meno incisivo Pietro Picone come Arturo. Bene il coro. Le scene, molto tradizionali, funzionano ma forse andavano rese ancora più essenziali, cosi come i ricchi costumi un po' stridono con un lavoro che vuole essere di “ripulitura”.

Note: Nouvelle production: Opéra Royal de Wallonie Editions critiques par Gabriele Dotto et Roger Parker - RICORDI - Révision de l'autographe par Jesús López Cobos

Interpreti: Annick Massis (Lucia), Celso Albelo (Sir Edgardo di Ravenswood), Ivan Thirion (Lord Enrico Ashton), Roberto Tagliavini (Raimondo), Pietro Picone (Lord Arturo Bucklaw), Alexise Yerna (Alisa), Denzil Delaere (Normanno).

Regia: Stefano Mazzonis di Pralafera

Scene: Jean-Guy Lecat

Costumi: Fernand Ruiz

Orchestra: Opéra Royal de Wallonie

Direttore: Jesús López Cobos

Coro: Opéra Royal de Wallonie

Maestro Coro: Pierre Iodice

Luci: Franco Marri

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’Opéra Comique di Parigi riporta in scena con grande successo la commedia lirica di André Messager tratta da Alfred de Musset 

classica

All’Opera di Roma Daniele Gatti guida ad un’interpretazione maiuscola un ottimo cast e un coro e un’orchestra  in gran forma

classica

Napoli: successo per lo spettacolo inaugurale della stagione del San Carlo con Valčuha sul podio