L’Otello delle star

Regia sbiadita e grandioso Jago-Hvorostovsky a Vienna

Recensione
classica
Wiener Staatsoper Vienna Wien
Giuseppe Verdi
20 Settembre 2013
Anja Harteros, Dmitri Hvorostovsky e José Cura sono tra i beniamini del pubblico viennese: con un cast del genere il successo è più che assicurato. Certo l’allestimento di Christine Mielitz non è più freschissimo. Gìà nel 2006 era stato accolto con perplessità, e ora, a sette anni dalla prima (e alla sua trentatreesima recita), il setting postindustriale minimalista di questa produzione, dotato di una sorta di cubo-ring al centro della scena, convince ancora meno. In questo scenario stilizzato sarebbe stata necessaria una condotta dei personaggi meticolosa e determinata, ma questo nelle recite di repertorio così lontane dalla prima non succede quasi mai. Ed è un peccato, perché il cast a disposizione si sarebbe ben prestato. Il problema principale di questa produzione, però, non è tanto l’assetto registico sbiadito. Il problema di questo Otello è proprio Otello. Perché Cura, anche se è un interprete così esperto nella rappresentazione di questo personaggio, bisogna dirlo, da un punto di vista vocale non è più all’altezza della parte. La sua voce non domina sull’orchestra e non raggiunge la platea e le sue frequenti imprecisioni hanno dato non poche difficoltà all’orchestra, che Ettinger ha cercato di condurre con chiarezza e senza eccessivo impeto. Hvorostovsky al suo debutto nella parte di Jago è grandioso. Dà al personaggio complessità e nuove tinte e al momento non mi verrebbero in mente altri interpreti per coprire meglio di così questo ruolo. E lo stesso affermerei per la Desdemona di Harteros. Le sue due arie del quarto atto varrebbero da sole il viaggio a Vienna.

Interpreti: Josè Cura, Dmitri Hvorostovsky, Anja Harteros, Marian Talaba, Jinxu Xiahou, Alexandru Moisuc, Mihail Dogotari, Hacik Bayvertian, Monika Bohinec

Regia: Christine Mielitz

Scene: Christian Floeren

Orchestra: Orchester der Wiener Staatsoper

Direttore: Dan Ettinger

Coro: Chor der Wiener Staatsoper

Maestro Coro: Thomas Lang

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Vasti consensi all’Oper Frankfurt per l’opera di Puccini con Asmik Grigorian protagonista e la direzione di Lorenzo Viotti 

classica

A Roma il primo spettacolo del progetto quinquennale RossiniLab dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Una coincidenza porta l’opera di Alessandro Melani a Pisa a pochi giorni di distanza dalle rappresentazioni di Roma, dopo 350 anni