L’Otello delle star

Regia sbiadita e grandioso Jago-Hvorostovsky a Vienna

Recensione
classica
Wiener Staatsoper Vienna Wien
Giuseppe Verdi
20 Settembre 2013
Anja Harteros, Dmitri Hvorostovsky e José Cura sono tra i beniamini del pubblico viennese: con un cast del genere il successo è più che assicurato. Certo l’allestimento di Christine Mielitz non è più freschissimo. Gìà nel 2006 era stato accolto con perplessità, e ora, a sette anni dalla prima (e alla sua trentatreesima recita), il setting postindustriale minimalista di questa produzione, dotato di una sorta di cubo-ring al centro della scena, convince ancora meno. In questo scenario stilizzato sarebbe stata necessaria una condotta dei personaggi meticolosa e determinata, ma questo nelle recite di repertorio così lontane dalla prima non succede quasi mai. Ed è un peccato, perché il cast a disposizione si sarebbe ben prestato. Il problema principale di questa produzione, però, non è tanto l’assetto registico sbiadito. Il problema di questo Otello è proprio Otello. Perché Cura, anche se è un interprete così esperto nella rappresentazione di questo personaggio, bisogna dirlo, da un punto di vista vocale non è più all’altezza della parte. La sua voce non domina sull’orchestra e non raggiunge la platea e le sue frequenti imprecisioni hanno dato non poche difficoltà all’orchestra, che Ettinger ha cercato di condurre con chiarezza e senza eccessivo impeto. Hvorostovsky al suo debutto nella parte di Jago è grandioso. Dà al personaggio complessità e nuove tinte e al momento non mi verrebbero in mente altri interpreti per coprire meglio di così questo ruolo. E lo stesso affermerei per la Desdemona di Harteros. Le sue due arie del quarto atto varrebbero da sole il viaggio a Vienna.

Interpreti: Josè Cura, Dmitri Hvorostovsky, Anja Harteros, Marian Talaba, Jinxu Xiahou, Alexandru Moisuc, Mihail Dogotari, Hacik Bayvertian, Monika Bohinec

Regia: Christine Mielitz

Scene: Christian Floeren

Orchestra: Orchester der Wiener Staatsoper

Direttore: Dan Ettinger

Coro: Chor der Wiener Staatsoper

Maestro Coro: Thomas Lang

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Al Teatro La Fenice Myung Whun Chung dirige la “Nona Sinfonia” di Gustav Mahler 

classica

Si apre all’Accademica Filarmonica Romana il ciclo dedicato a Beethoven

classica

Rappresentate a Roma due operine di Roberta Vacca e Biagio Putignano