L’Olandese immersivo

Lyniv e Curran per il nuovo Der fliegende Holländer del Teatro Comunale di Bologna

L’olandese volante (foto Andrea Ranzi)
L’olandese volante (foto Andrea Ranzi)
Recensione
classica
Bologna, EuropAuditorium
L’olandese volante
27 Gennaio 2023 - 01 Febbraio 2023

Inaugura un po’ sottotono la nuova stagione del Teatro Comunale di Bologna, con il wagneriano Der fliegende Holländer diretto da Oksana Lyniv e con la regia di Paul Curran.

Sul fronte musicale, tutto scorre liscio, regolare, con la fredda tempra che caratterizza la direzione di Lyniv. Convincono pienamente i solisti, a partire dall’Olandese di Thomas Johannes Mayer: penetrante e preciso, è commovente nel duetto d’innamoramento con Senta, una Elisabeth Strid generosa nel porgere. Daland era il lussuoso basso Peter Rose, mentre Erik era Adam Smith che, vero heldentenor, piace in particolare nella sua ultima (determinante) scena con Senta. Molto bene fa anche Paolo Antognetti nei (vocalmente non semplici) panni del timoniere di Daland.

Sul fronte scenico, proiezioni a tutto campo di mareggiate e onde, di per sé intuizione che avrebbe del potenziale, con tanto di effetto quasi immersivo se si immagina il palcoscenico come la prua di una nave di cui anche la platea fa parte. La realizzazione effettiva risulta però stucchevole, soprattutto quando il visual designing (a cura di Otto Driscoll) scade nelle apparenze di un malriuscito videogioco, salvato da qualche momento di particolare efficacia e suggestione grazie alle luci di Daniele Naldi.

Sul fronte del pubblico, si sono visti meno abiti lunghi, meno papillon e in generale si è avuta l’impressione che fosse un’occasione meno mondana del solito per i bolognesi, nonostante fosse un’inaugurazione di stagione: dislocato nella prima delle sedi provvisorie della Fondazione (in ristrutturazione per i prossimi quattro anni), lo spettacolo ha avuto luogo all’EuropAuditorium, che forse meno ispira alla gran gala rispetto alla storica Sala Bibiena. A parte qualche rumoroso dissenso verso la regia, lo spettacolo è stato ampiamente apprezzato. Per le repliche fino al 1° febbraio, i biglietti sono disponibili da 20 € a 110 €.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Alla IUC di Roma concerto per il cinquantesimo anno di carriera del quartetto

classica

Un successo alla Semperoper di Dresda per la nuova opera di Detlev Glanert Die Jüdin von Toledo ispirata a una tragedia del 1855 dell’austriaco Franz Grillparzer

classica

Napoli: da Reich a Battistelli