L'Étoile di Chabrier

Ultima recita prima del restauro della Staatsoper di Berlino

Recensione
classica
Staatsoper Unter den Linden Berlino
16 Maggio 2010
Dopo l'ultima recita dell' "Étoile" di Chabrier prenderà avvio in estate il controverso restauro della Staatsoper di Berlino, poiché il primo progetto vincitore di Klaus Roth, che prevedeva un restyling ritenuto eccessivo, è stato cassato. Dopo una nuova gara lo studio di architettura HG Merz si è aggiudicato l'appalto: in tutto saranno 36 mesi di lavori per 239 milioni di euro; nel frattempo le attività della Staatsoper si trasferiscono temporaneamente allo Schiller Theater. Il pubblico berlinese ha accolto con calore questa opéra-bouffe al cui centro vi sono le vicende del capriccioso re Ouf I (Jean Paul Fouchécourt perfettamente nella parte) in cerca di qualcuno da giustiziare nel giorno del suo compleanno. Da una parte Ouf, consigliato sul da farsi dal fido astrologo Siroco (Giovanni Furlanetto), dall'altra una doppia coppia che contribuisce a intricare gli eventi: Hérisson de Porc-Epic e Aloès, insieme al segretario Tapioca e a Laoula (Juanita Lascarro), la principessa, ignara promessa sposa di Ouf. Ecco che l'affronto al re, in cerca della sua vittima, proviene da Lazuli (un'irriconoscibile Magdalena Kožená, nei panni di un monello del tutto credibile), che cotto di Laoula, ma temporaneamente rifiutato e per questo incarognito, lo schiaffeggia. Il verdetto dell'astrologo capovolgerà la situazione, però solo nel terzo atto, dopo molte peripezie, Ouf capitolerà, cedendo Laoula a Lazuli, finendo per designare il ragazzo come successore. Il tutto ambientato nel moderno hotel L'étoile, anni '50/'60, in salsa Grease. Azzeccati i costumi, efficaci cambi di scena a sipario aperto, divertenti i balletti e le mossettine pensate per il coro. Juanita Lascarro è brava, ma su tutti svetta la Kožená.

Note: libretto di Eugène Leterrier e Albert-Guillaume-Florent Vanloo, da Verlaine opéra-bouffe in tre atti

Interpreti: Re Ouf I Jean Paul Fouchécourt Lazuli Magdalena Kožená Laoula Juanita Lascarro Siroco Giovanni Furlanetto Herisson de Porc-Epic Douglas Nasrawi Aloès Stella Doufexis Tapioca Florian Hoffmann

Regia: Dale Duesing

Scene: Boris Kudlicka

Costumi: Kaspar Glarner

Orchestra: Staatskapelle Berlin

Direttore: Simon Rattle

Coro: Staatsopernchor

Maestro Coro: Eberhard Friedrich

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Teatro del Maggio: le tre opere di Puccini dirette da Valerio Galli

classica

Händel per l’Oper Frankfurt al Bockenheimer Depot con la regia di R. B. Schlather

classica

Successo di pubblico per le sorelle Labéque, al Romaeuropa Festival insieme a Bryce Dessner e David Chalmin