Le molte vite di Violetta

Un nuovo allestimento  di Traviata, in coproduzione con la coreana Daegu Opera House e IMG Artists,  inaugura il 20 settembre la stagione del Teatro delle Muse di Ancona

La Traviata
La Traviata
Recensione
classica
Ancona, Teatro delle Muse
La Traviata
20 Settembre 2019 - 22 Settembre 2019

Di fronte all'ennesima Traviata molti registi avrebbero optato per una lettura attualizzante, o per un'interpretazione comunque inedita e originale. Stefania Panighini, che ha curato l'allestimento dell'opera verdiana al Teatro delle Muse di Ancona, no. La sua ricerca non si è orientata verso una nuova ambientazione o verso significati secondi che più o meno forzatamente possono scaturire dal libretto di Piave. E' andata invece dentro il personaggio, in un viaggio introspettivo all'interno dell'animo che disvelava tutto lo spessore di Violetta, le emozioni, i desideri, i sogni svaniti, il suo essere in bilico tra amore e libertà, tra vita e morte. L'animo della protagonista si è concretizzato in una bambina, simbolo della sua purezza, che nel dispiegarsi della storia si è mutata in adolescente e poi in donna; queste presenze affiancavano la protagonista risvegliandosi nei momenti di solitudine e di confronto con se stessa, traducendo con i gesti e la corporeità i turbamenti dello spirito. Unica forzatura, forse, l'immagine della maternità che accompagnava Violetta nell'ultimo atto, frutto della fantasia della regista.

Nessuna sfasatura temporale, resa evidente dai bei costumi ottocenteschi disegnati da Veronica Pattuelli che specie nelle scene di insieme hanno contribuito a creare splendidi equilibri di forme e colori. L'intimismo della regia  ben si è sposato con l'essenzialità delle scene, ideate da Andrea De Micheli e costruite su un elemento centrale che si prestava a funzioni diverse (da centro della festa, a luogo della intimità domestica, a tavolo da gioco, a letto di morte).

Violetta è stata una intensa Francesca Sassu, che ha ben saputo affrontare la diversità dei profili vocali del personaggio; Alfredo il coreano Jay Kwon, formatosi all'Accademia del Teatro alla Scala, che sfoggiava una perfetta dizione italiana; Germont padre infine è stato interpretato dalla imponente e duttile voce di Angelo Veccia. Bene anche gli altri interpreti, così come il Coro Lirico Marchigiano  "V. Bellini" diretto da Davide Dellisanti. La direzione musicale è stata affidata al giovane  Andrea Sanguineti, al suo primo Verdi in Italia, sul podio della Orchestra Sinfonica "G. Rossini". L'allestimento è in coproduzione con la coreana Daegu Opera House e IMG Artists. 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Roma il primo spettacolo del progetto quinquennale RossiniLab dell'Accademia Filarmonica Romana

classica

Vasti consensi all’Oper Frankfurt per l’opera di Puccini con Asmik Grigorian protagonista e la direzione di Lorenzo Viotti 

classica

L’Otello di Gioachino Rossini nell’allestimento di Damiano Michieletto apre la stagione dell’Oper Frankfurt