Le magie di Mehta alla Scala

Successo per il concerto con la Filarmonica e Buchbinder

Zubin Mehta (Foto Brescia e Amisano)
Zubin Mehta (Foto Brescia e Amisano)
Recensione
classica
Teatro alla Scala, Milano
Zubin Mehta e Rudolf Buchbinder
12 Febbraio 2022

L'incontro di Zubin Mehta e Daniel Barenboim in veste di pianista con la Filarmonica della Scala era previsto da tempo, ma un intervento chirurgico alla schiena ha costretto il solista a rinunciare al Terzo concerto di Beethoven. In sua vece ha suonato Rudolf Buchbinder, invariato anche il programma della seconda parte del concerto con Le Sacre du Printemps di Stravinskij. L'esito è stato a dir poco entusiasmante.

Nell'ampia introduzione orchestrale il direttore ha subito dato prova dell'intesa che ha con l'organico e chiarito le sue intenzioni, trasparenza assoluta, marzialità contenuta. Buchbinder l'ha perfettamente assecondato; è stato poi lui a condurre il gioco nel secondo movimento, senza mai creare effetti virtuosistici, pensoso, rarefatto; nella parte centrale è riuscito a creare un'atmosfera magica nel dialogo col fagotto e il flauto fino al diradato notturno della chiusa. Il pianista ha poi affrontato a folle velocità il terzo movimento, tanto da far temere che l'orchestra non fosse in grado di seguirlo; invece tutto bene, come in una libera fantasia, senza una sbavatura fino alla radiosa conclusione. Buchbinder, che durante tutta l'esecuzione ha dato la sensazione di divertirsi, è stato salutato con applausi interminabili e in cambio ha regalatuo due bis: il primo tempo della sonata n. 17 di Beethoven, La tempesta, e una parafrasi per pianoforte di Alfred Grünfeld dal Fledermaus di Johann Strauss jr. (cavallo di battaglia del solista).

Il Sacre ha poi goduto di un'esecuzione esemplare, senza tema di smentite è da ritenere che sia difficile ascoltarne una di tale livello, grazie anche all'ottima salute dell'organico. Suoni acidi, di violenza impressionante, sempre amministrati da Mehta con gesti ridotti al minimo. È stupefacente come con un dito riesca a scatenare il finimondo, pur controllato in ogni dettaglio, sempre terso. Perfino nei delicatissimi e trasparenti dialoghi fra i fiati. Al termine grandi ovazioni per il maestro che, in venerenda età e seri acciacchi felicemente superati, sa tramettere tanta energia e passione.

 

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Francesco Micheli ha creato uno spettacolo completamente nuovo sullo stesso progetto scenografico di Fuksas già utilizzato per Tosca 

classica

Edizione 2024 un po’ al risparmio ma non di idee, con qualche ripresa, un Gluck seriale, un Rameau reinventato e una novità di Kentridge

classica

Il Nationaltheater chiude la stagione con produzioni di teatro musicale: “Don Giovanni” di Mozart e la novità “L’étranger” di Cecilia Arditto Delsoglio