La torre del potere

Catania: Beatrice di Tenda secondo Brockhaus

Recensione
classica
Teatro Massimo V. Bellini Catania
Vincenzo Bellini
03 Dicembre 2010
In un palco foderato di un grigio materico e ancora neutro, Brockhaus fa stare invadente, se si vuole minacciosa, e pure incubatrice dei caratteri femminili, una torre esagonale: è il segno del potere che Filippo esercita per sopprimere, nella Beatrice di Tenda di Romani e Bellini, la protagonista sua moglie, ma latrice di una devozione popolare e di una personalità (senza esser donna di potere) che Filippo mal sopporta, finendo quindi con l’invaghirsi di Agnese. Le caleidoscopie proiettate contro questa torre funzionano meno dei disvelamenti che riserva: giardini fioriti per le cavate dei due personaggi femminili e la maschera del primo marito di Beatrice nel primo atto, un grigio tavolo per il consesso della legge repressiva nel secondo prima del traghettarsi di Beatrice verso il martirio; così come funzionano meglio le scelte statiche (posizioni, stoffe e colori nettamente distinti per coro maschile e femminile) che quelle dinamiche, non sviluppandosi oltre gli impegnativi movimenti del coro con le danzatrici nel primo atto. Funziona assai bene il cast vocale, che valorizza una partitura non priva di problematiche (sghemba e a volte tortuosa nel rapporto col testo), ma prodiga di episodi straordinari: in continuo crescendo, ed assai efficace espressivamente Dimitra Theodossiou nel ruolo del titolo, bravi anche José Maria Lo Monaco come Agnese e Michele Kalmandi, forse un po' sottotono ma positivo l’Orombello di Alejandro Roy, a posto i comprimari. Il coro lavora molto in quest’opera, e qualche problema di assieme e di nuances si è in definitiva palesato; non va però inficiata la prova direttoriale, fluida e calibrata, di Antonio Pirolli, sicché l’orchestra ha tirato fuori spesso bel suono (morbido o granitico che fosse), salvo momenti non intonati o non a piombo.

Note: Nuovo allestimento del Teatro Massimo Bellini

Interpreti: FILIPPO MARIA VISCONTI Michele Kalmandi, Luca Grassi (4, 7, 10) BEATRICE DI TENDA Dimitra Theodossiou, Rachele Stanisci (4, 7, 10) AGNESE DEL MAINO Josè Maria Lo Monaco, Nidia Palacios (4, 7, 10) OROMBELLO Alejandro Roy, Giorgio Casciarri (4, 7, 10) ANICHINO Michele Mauro RIZZARDO DEL MAINO Alfio Marletta

Regia: Henning Brockhaus

Scene: Henning Brockhaus

Costumi: Giancarlo Colis

Coreografo: Emma Scialfa

Orchestra: Orchestra del Teatro Massimo Bellini

Direttore: Antonio Pirolli

Coro: Coro del Teatro Massimo Bellini

Maestro Coro: Tiziana Carlini

Luci: Henning Brockhaus

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy