La forza di Tosca

Napoli: Puccini con la direzione di Renzetti e la regia di Edoardo De Angelis

Tosca (Foto L. Romano)
Tosca (Foto L. Romano)
Recensione
classica
Teatro San Carlo di Napoli
Tosca
22 Gennaio 2020 - 29 Gennaio 2020

Dopo una Dama di Picche di speciale magnetismo teatrale, la Tosca vista al San Carlo martedì 28 alla penultima replica (22 gennaio la prima) è un ennesimo successo al botteghino di un teatro che, seppur attualmente verso una fase di transizione alla sua guida, ha puntato sulla qualità degli interpreti e su di un regista di profonda personalità poetica, Edoardo De Angelis. Il direttore Donato Renzetti, insieme a Gea Garatti maestro del coro e Stefania Rinaldi per le voci bianche, veste di lirismo e poesia l'orchestra del teatro e la buona compagnia capitanata da Carmen Giannattasio - Tosca, per mettere in scena l'opera di Puccini. Si conclude sulla morte di Scarpia il secondo atto, senza il tradizionale gesto dei candelabri ma con l’appropriazione e liberazione del fido cane del capo della polizia da parte di Tosca. Un gesto quindi sul nodo cruciale del dramma, la ribellione di Tosca, forte e innamorata. De Angelis, al suo debutto al teatro d’opera, sembra essere grande interlocutore di musiche intrise di misteri e drammaticità oscure - sente sue le allegorie del bene e del male, ben evidenziando la loro geografia poetica. Le scene di Mimmo Paladino rifulgono con scrupolo i tanti movimenti di ritmi binari, ternari che fratturano lo scorrere del tempo e le inverse distensioni ritmiche delle arie e duetti, seguendo costantemente i grumi tematici musicali dell'opera. Il tutto si svolge non proprio come da didascalia la chiesa – quattro pietrone sulla scena con una donna seminuda al centro, lo studio di Scarpia con un coccodrillo appeso simbolo del male, sopra e sotto oggetti piccoli e grandi da cui si sviluppa simbolicamente il dramma. I costumi, di Massimo Cantini Parrini, le luci, invece, di Cesare Accetta, esaltano le ambientazioni ed i colori, forse solo di poco gusto la veste di Scarpia - che manca di presenza scenica.  Di classe Angelotti, Renzo Ran che esorcizza con valore la sofferenza del dramma. Renzetti dirige sempre con sapiente vigore dosando gli equilibri tra momenti lirici e scatti ritmici, il resto lo fanno i cantanti e soprattutto il coro. Quest'ultimo sin dall'inizio punta su di una quantità di sfumature che esaltano la sua importanza, la sua dualità, insieme soave e delicato il coro di bambini. L'eccellente interpretazione di Scarpia, Enkhbat Amartuvshin, quasi pone in ombra Cavaradossi, Fabio Sartori, che non fugge o si affretta all'acclamatissimo "E lucevan le stelle" - è applausi a scena aperta. La Giannattasio un puro soprano lirico - un timbro da brividi. Bravi anche Matteo Peirone il Sagrestano, Francesco Pittari - Spoletta. Questa produzione infine evidenzia una Tosca che sorprendentemente prescinde finanche dagli schemi di relazione dominio/potere, amore-odio. 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Beryl Korot e Steve Reich riflettono su scienza e tecnologia

classica

All’Oper Frankfurt il regista australiano firma un allestimento dell’opera straussiana che raccoglie consensi nonostante una lettura controversa 

classica

All’Oper Frankfurt interesse per l’opera di Richard Wagner, assente da qualche stagione