La crisi climatica all’opera

Tematiche ecologiste e di inclusione sociale nel nuovo allestimento dell’oratorio Belshazzar di Handel a Vienna

Belshazzar (Foto Werner Kmetitsch)
Belshazzar (Foto Werner Kmetitsch)
Recensione
classica
Theater an der Wien
Belshazzar
20 Febbraio 2023 - 02 Marzo 2023

 Un futuro distopico, schiavi controllati da collari killer, un leader che fa abuso di potere, ma soprattutto un mondo in cui è finito il bene più prezioso: l’acqua. O meglio, è tutta di Belshazzar (Robert Murray), leader che abusa del suo potere, un po’ folle, un po’ incestuoso, che l’ha privatizzata e resa un bene di lusso. La madre Nitocris, una magnetica Jeanine De Bique, capisce che è il caso di fermarlo, l’amante di lei, nonché biotecnologa, Daniela (il profeta Daniel nel libretto di Charles Jennens, qui interpretata da Eva Zaïcik) le sta al fianco e la supporta nel difficile compito, mentre rivoluzionari assetati (e guidati da Cyrus – Vivica Genaux –  e Gobrias – Michel Nagl) lo destituiscono: la condanna è di “ecocidio”. E così popoli salvati ed ex cortigiani si alleano per la creazione di un nuovo futuro ecologista e rispettoso delle risorse. L’oratorio Belshazzar di Georg Friedrich Handel, nelle mani della regista Marie-Eve Signeyrole e nella bacchetta di Christina Pluhar (in testa alla “sua” Arpeggiata) diventa uno spettacolo totalmente diverso dall’originale (tanti i tagli, per non parlare delle modifiche alle dinamiche e all’orchestrazione), e può suscitare pareri contrastanti. Tuttavia se un esperimento è, lo si può ritenere un esperimento fatto con mezzi di ottima qualità. Innegabilmente, l’allestimento ha un certo allure: tratta temi “caldi”, come la necessità di rappresentare le minoranze in scena (come la disabilità: uno dei personaggi è ipovedente). Inoltre il linguaggio delle riprese cinematografiche che proiettano i volti degli interpreti (veicolati dall’escamotage drammaturgico della “Royal Tv”, quasi un reality) avvicinano immensamente gli interpreti al pubblico, permettono di seguire ogni fremito delle espressioni dei volti, e accelerano vertiginosamente il ritmo narrativo, sovrapponendo una, due, a volte anche tre controscene. In questa sovrabbondanza di stimoli, la musica handeliana a tratti rischia di fare da tappezzeria, ciononostante risultano ben a fuoco tutti i solisti e il coro (Arnold Schoenberg Chor). Per quanto inizialmente sia straniante l’amplificazione, e crudissime e sanguinolente alcune scene (amplificate dalla ripresa live), a spettacolo finito si rimane turbati e pieni di suggestioni. E se il teatro di successo è anche quello che non suscita indifferenza, questo Belshazzar lo ha ottenuto.

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Al Teatro Malibran in scena la “Cantata del Caffè” di Johann Sebastian Bach e “Bach Haus” di Michele Dall’Ongaro con allievi di canto e orchestra del Conservatorio veneziano

classica

Sostakovic al Teatro Real

classica

Nuova, interessante produzione del capolavoro tragico mozartiano alla Staatsoper di Berlino