Kraftwerk, ritorno al futuro

Il quartetto tedesco all'Opera di Firenze per l'unica data italiana dello show in 3D

Recensione
pop
DNA Concerti / Le Nozze di Figaro Firenze
16 Novembre 2015
Dentro lo stupore. Il teatro dell'Opera di Firenze é strapieno: concerto sold out a pochi giorni dall'apertura delle prevendite. E questa unica data italiana del quartetto di Düsseldorf capitanato da Ralf Hütter mantiene le promesse con un evento di quelli che si ricorderanno. I quattro alchimisti del suono sintetizzato giocano la carta del 3D con intelligenza, dando alle intuizioni di cui furono pionieri una nuova dimensione. Non l'inseguimento di ciò che è oggi la tecnologia, ma un'interpretazione di un certo immaginario futuristico per come sarebbe potuto essere. Ed ecco allora ingredienti "obsoleti" come calcolatrici, personal computer vintage, astronavi prima maniera, satelliti e illustrazioni d'epoca ritrovare una nuova vita, prendendo e dando un altro senso a quell'universo binario a cui i quattro (seppure in una formazione diversa) hanno abituato il proprio pubblico. La scaletta è da brividi, con un'apertura alle 21 in punto che riscalda grazie a composizioni come "Ansage Numbers" e "Computerworld", e che come una tempesta di battiti e codici numerici arriva sugli spettatori con "The Man Machine", "The Model", "Radio-Activity", "Tour de France"... I Kraftwerk con questa operazione riescono nel duplice intento di accontentare i fan, senza però lasciarsi troppo andare a facili operazioni nostalgia, rispolverando una macchina del tempo che proietta gli spettatori armati di occhialini 3D in uno scenario robotico potente e inaspettatamente attuale. Dopo due ore e mezza di show, in cui la tensione tra musica e immagini cala esclusivamente sul capitolo "Autobahn", chiusura d'impatto con "Musique non stop".

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

pop

Successo a Ravenna Festival per il ritorno dal vivo di Vinicio Capossela, tra riflessioni e nostalgie

pop

300.000 visualizzazioni per il concerto in streaming dell’artista israeliana nell’ambito di Il jazz italiano per Bergamo

pop

Il tour di Ryley Walker dopo la disintossicazione rilancia il chitarrista americano, tra folk acido, psichedelia e songwriting di altissima fattura