Il Mahler di Gatti

Alla Scala con la GMJO

Daniele Gatti e GMJO (Foto Brescia e Amisano)
Daniele Gatti e GMJO (Foto Brescia e Amisano)
Recensione
classica
Teatro alla Scala, Milano
Daniele Gatti e GMJO
25 Maggio 2023

Nata trentasette anni fa per volontà di Claudio Abbado, la Gustav Mahler Jugendorchester aveva come scopo di attrarre i giovani musicisti dell'Europa dell'est e superare così la Cortina di Ferro. Se la situazione geopolitica è del tutto cambiata, è rimasto vivo il progetto di fare dell'organico un vivaio europeo di talenti musicali e un punto di attrazione per i migliori direttori.

L'appuntamento di ieri alla Scala, al termine di una lunga tournée, non a caso ha visto sul podio Daniele Gatti con un programma che è nel dna della GMJO, l'Adagio della Decima e la Prima "Il Titano" di Mahler.

Le sorprese non sono mancate in questo percorso sinfonico del compositore, proposto dall'Omega all'Alfa.

La prima è stata il tributo di applausi agli stumentisti al loro apparire, un gioioso e rispettoso rituale che al Piermarini purtroppo non viene mai osservato con l'orchestra del teatro.

La seconda, il vedere tanti volti giovani e sorridenti sul palco, la terza ovviamente l'esecuzione. Gatti ha l'abitudine di provare a lungo con i ragazzi, ma non è stato solo questo a creare una straordinaria intesa fra loro.

Più dell'Adagio della Decima, per altro risultato intenso e imponente, a stupire è stata la Prima, per la carica di energia, la tensione continua, la leggerezza calligrafica nei concertini isolati (esemplare l'iniziale "Lento come un suono della natura"), le massicce e compatte esplosioni sonore. La sensazione di poter seguire in ogni istante la storia che Mahler ci stava raccontando è stata tangibile e sempre evocata da un gesto direttoriale ai minimi termini.

Al termine della serata lunghissimi applausi, accompagnati più volte dal battere dei piedi degli orchestrali, uniti nell'entusiasmo per il direttore.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

All’Oper Frankfurt un nuovo allestimento dell’opera wagneriana con la direzione di Thomas Guggeis e la regia attualizzante di Matthew Wild

classica

Prima esecuzione assoluta di Kinderszenen di Marco Momi con Mariangela Vacatello al pianoforte e la direzione di Michele Gamba

classica

Liegi: I Capuleti e i Montecchi diretti da Benini