Il labirinto di Coleman

Steve Coleman & Five Elements sul palco di Vicenza Jazz New Conversations

Recensione
jazz
Vicenza Jazz
09 Maggio 2011
Da un grande innovatore di linguaggi ti aspetti sempre qualcosa di più. Ma Riccardo Brazzale, direttore artistico di Vicenza Jazz, dichiarando, nella breve introduzione, una presunta “classicità “ di Coleman aveva lanciato un messaggio preventivo. Così è stato. Steve Coleman con i suoi Five Elements si è mosso come artista che forte dei suoi contributi decisivi sulle prospettive del jazz oggi si può permettere tutto. Dagli anni Ottanta con la straordinaria esperienza del collettivo M-Base il sassofonista di Chicago trascina il jazz in una contemporaneità complessa, urbana, il rumore delle grandi megalopoli rivitalizzato da una forte traccia di appartenenza, un filo rosso con Madre Africa macchiato di affascinanti ritualità e misticismi. Filosofia che appare oggi appannata, priva di quei guizzi creativi e provocatori che l’ hanno sempre caratterizzata. Dopo un augurante soliloquio del sax in apertura la musica si adagia su canovacci ritmici scarni, lontani dalla ricchezza percussiva sempre presente nei progetti di Coleman. Una musica circolare orfana dell’originario carattere ipnotico e coinvolgente, che salvaguarda l’aspetto polifonico nell’intreccio sax/voce/tromba. Il zigzagante fraseggio di Coleman risulta a tratti autoreferenziale, brillante invece la tromba di Finlayson che si va ad incastrare con maestria negli spazi aperti dal leader. Altrettanto fascinoso il contributo della voce di Jen Shyu, eterea e trasognante. Rimane anche da capire come si possa costringere due talenti, come quelli del pianista David Virelles e del chitarrista Miles Okazaki, ad un oscuro lavoro di supporto ritmico che qualunque turnista poteva garantire. Musica che si muove in un labirinto senza sbocchi. Albori di una nuova traccia creativa? Rimane tutto da verificare.

Interpreti: Steve Coleman: sax; Jonathan Finlayson: tromba; Jen Shyu: voce; Miles Okazaki: chitarra; Davd Virelles: piano e tastiere.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

jazz

Il Triple Double del batterista americano, con Taylor Ho Bynum e Mary Halvorson, sul palco di Area Sismica

jazz

A Bologna per Musica Insieme la notevole performance in solo di Brad Mehldau, che sfuma sempre di più i confini tra i generi

jazz

Il JazzFest di Berlino ruota intorno al genio di Anthony Braxton, che ha presentato il suo Sonic Genome al Gropius Bau