Il Flauto magico da Vienna alle township

Successo al Ravenna Festival

Recensione
world
Ravenna Festival Ravenna
03 Luglio 2011
Ben tre Flauti magici tutti diversamente unici, in questa prima metà dell'anno: prima "Un flauto magico", libero adattamento di Peter Brook al Piccolo di Milano; poi l'opera in cartellone alla Scala, in versione musicalmente come è ovvio canonica, ma con le invenzioni sceniche e di regia del sudafricano William Kentridge, rinomato artista contemporaneo; infine a Ravenna Festival "Mozart's The Magic Flute - Impempe Yomlingo", in cui la magia con cui viene riproposto il capolavoro mozartiano è pure sudafricana, ma qui pressoché integralmente: regia - Mark Dornford-May è britannico, ma sudafricano di adozione - compagnia, rielaborazione della musica e del testo, voltato in inglese. Il Mozart ricreato in scena con un complesso di marimbe da cantanti-strumentisti-ballerini - tutti neri - di travolgente versatilità che senza partiture, a memoria, si alternano dietro gli strumenti - persino Pamina quando non canta a volte suona - ha un effetto esplosivo. Nella trasfigurazione, intorno alle melodie mozartiane e al canto lirico, entra tutta la sopraffina cultura popolare corale e coreutica sudafricana, con esiti di vivacità contagiosa: e col suo prevalere del bene e la sua idea di elevazione dell'uomo, la favola morale del Flauto magico (che qui assume il suono jazz di una tromba) non manca di tingersi, senza nessuna banale forzatura, di riferimenti alla storia recente del Sudafrica. Non tutte le voci protagoniste sono sempre convincenti come quella di Pamina: ma non su questo l'operazione va giudicata. Piuttosto sull'averci gioiosamente ricordato, con tutta la tradizione che il Sudafrica nero può vantare in questo campo, che in definitiva - lo si chiami Zauberoper o Singspiel - il Flauto magico allestito nel 1791 in un teatro di periferia era un musical popolare.

Interpreti: Eric Abraham-Isango Ensemble Adattamento e regia: Mark Dornford-May

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

La Maschera vince il Premio Parodi 2018, Premio della critica a Monsieur Doumani: il racconto del Premio e qualche considerazione sullo stato della world music

world

L'incontro tra Tony Allen e Jeff Mills e Amadou & Mariam per la nuova rassegna africana di Torino

world

La cantante maliana in concerto a Roma per il Romaeuropa Festival con il suo Mogoya