Il Beethoven di Gatti

Milano: l'inaugurazione della Società del Quartetto

Daniele Gatti
Daniele Gatti
Recensione
classica
Conservatorio Verdi, Milano
Daniele Gatti, Orchestra Mozart
20 Settembre 2023

 L'inaugurazione della stagione 2023-24 della Società del Quartetto, come lo scorso anno, è stata affidata a Daniele Gatti sul podio dell'Orchestra Mozart, che ha proseguito l'iter dell'integrale delle sinfonie di Beethoven con la Quarta, la Quinta e la Sesta, per la prima volta proposta al Quartetto nel corso delle sue 159 stagioni. Fin dall'attacco misterioso e vagante della Quarta e la sucessiva esplosione dell'Allegro, Gatti ha dato un saggio di come possa contare su un controllo assoluto dell'organico.

Ogni sezione ha sempre avuto coesione estrema e contorni netti, dai pianissimo al pieno volume mai una sbavatura; il direttore si è preso anche il lusso di cesellare quasi maniacalmente alcuni passaggi senza mai rischiare. Così è stato per la Quinta che ha goduto di una lettura d'intensa lucidità, esemplare il calibratissimo crescendo dello Scherzo, preparato dall'estenuante frase dei violini.

A voler stabilire graduatorie fra le tre esecuzioni, oltre alla felice sorpresa delle prime battute della Quarta, è stata la "Pastorale" ad avere miglior esito, per via di una sorta di sognante delicatezza che l'ha pervasa tutta. Pur nel rispetto dei passaggi più violenti, come il temporale che è risultato compatto e rigoroso, senza cedere alla tentazione di titanismo. Il canto finale dell'Allegretto con le sue variazioni si è poi espanso con una prepotente gioiosità (oboe, clarinetto, corni di gran classe) facendo dimenticare le precisazioni descrittive che a nostro parere finiscono sempre per disturbare l'ascolto.

Grandissimi gli applausi al termine della serata, giustamente scandita da due intervalli, con l'orchestra che si è spesso rifiutata di alzarsi per lasciarli al direttore. Il 13 giugno toccherà nuovamente a Gatti e alla Mozart la chiusura della stagione del Quartetto, sarà la volta della Prima, della Seconda e della Settima sinfonia di Beethoven.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Successo alla Scala per Martha Argerich, Janine Jansen e Mischa Maisky in trio con brani di Haydn, Mendelssohn e Šostakovč

classica

A Lucca unico concerto in Italia per le celebrazioni pucciniane

classica

Al Teatro Sociale di Rovigo dopo oltre 300 anni torna in scena Pigmalione di Giovanni Alberto Ristori composto per il Teatro Manfredini del capoluogo polesano