I vizi di Salome

Successo a Bologna per l'opera inaugurale

Recensione
classica
Teatro Comunale di Bologna
Richard Strauss
16 Gennaio 2010
È una spirale di vizi (più o meno) capitali: lussuria, cupidigia, falsità, corruzione, inettitudine. Il Teatro Comunale di Bologna inaugura la stagione con la splendida "Salome" di Richard Strauss, su quel testo magistrale che Oscar Wilde ha saputo raccogliere dal breve episodio evangelico, disegnando uno spaccato archetipico della commedia umana. Un successo, fuor di dubbio: per la bacchetta di Nicola Luisotti, che ha retto con continuità il vorticoso flusso sonoro straussiano; per la Salome di Erika Sunnegårdh, la cui leggerezza vocale è largamente ripagata dalla faticosa prova attoriale, che la vede protagonista incontrastata in una scena posseduta in tutta la sua ampiezza, culminante nella danza dei sette veli; per il Battista di Mark Doss e l'Herodes di Robert Brubaker, probabilmente la voce più interessante. Un successo anche per Gabriele Lavia, meritato per l'ottima direzione dei cantanti, ai cui personaggi ha saputo dare corpo e credibilità, ma che il pubblico ha forse decretato per una messa in scena, da un lato, è vero, intelligente e versatile nell'uso degli spazi, tuttavia, dall'altro lato, esibita fino all'ostentazione. È qui che Lavia ha in parte tradito le sottigliezze di un testo in cui continui giochi metaforici magicamente si rincorrono, a favore di un allestimento che - come una lente d'ingrandimento, peraltro presente a un certo punto in scena - imponesse alla vista gigantografie simboliche, prive in realtà di rimandi (vari, possibili, interpretabili e quindi interessanti) a un simboleggiato: il rosso che domina il tutto, le grandi lame durante la decapitazione, il cadavere di Jochanaan appeso per i piedi, l'enorme testa del Battista, sulle cui labbra Salome declama, distesa, i voluttuosi, nichilisti, ultimi versi.

Note: Salome dramma musicale in un atto di Richard Strauss libretto di Hedwig Lachmann dal poema omonimo di Oscar Wilde

Interpreti: Erika Sunnegårdh (Salome); Mark S. Doss (Jochanaan); Robert Brubaker (Herodes); Dalia Schaechter (Herodias); Mark Milhofer (Narraboth); Nora Sourouzian (paggio di Herodias); Garbiele Mangione, Paolo Cauteruccio, Dario Di Vietri, Ramtin Ghazavi, Masashi Mori (cinque giudei); Masashi Mori (uomo della Cappadocia); Rainer Zaun, Paulo Paolillo (due nazareni); Cesare Lana, Rainer Zaun (due soldati); Edoardo Milletti (uno schiavo)

Regia: Gabriele Lavia

Scene: Alessandro Camera

Costumi: Andrea Viotti

Coreografo: Sara Di Salvo

Orchestra: Teatro Comunale di Bologna

Direttore: Nicola Luisotti

Luci: Daniele Naldi

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Per l’anteprima del Ravenna Festival due concerti tra Mendelssohn, Schuman e Brahms

classica

Il direttore coreano propone la Seconda al Maggio Musicale Fiorentino

classica

Il giro di vite alla Monnaie