Giddens-Turrisi, una serata tra amici

Doppio concerto per la coppia Rhiannon Giddens e Francesco Turrisi, che tornano al FolkClub Torino dopo il successo dell'anno scorso

 Rhiannon Giddens e Francesco Turrisi FolkClub 2019
Rhiannon Giddens e Francesco Turrisi (foto di Massimo Forchino)
Recensione
world
FolkClub, Torino
Rhiannon Giddens e Francesco Turrisi
17 Gennaio 2020 - 18 Gennaio 2020

È sempre un piacere vedere il FolkClub tutto pieno, con la gente in piedi; lo è in special modo perché il ritorno di Rhiannon Giddens, in coppia con Francesco Turrisi, è una scommessa vinta dalla direzione artistica del locale torinese.

Rhiannon Giddens era stata in via Perrone già l’anno scorso, e nell’ultimo anno la sua carriera sembra essere definitivamente decollata anche a livello internazionale, grazie al fantastico progetto Songs of Our Native Daughters e al bel disco There Is No Other, con lo stesso Turrisi. Nel 2019 era stata l’unica data italiana, ed è così anche quest’anno, con un doppio concerto – venerdì e sabato – andato completamente sold out, e con un pubblico internazionale (da Finlandia, Inghilterra, persino Corea) che è strano incontrare al FolkClub. Che ha fatto un’eccezione: di norma, non si replicano concerti da un anno all’altro.

Ma certo è che uno dei punti di forza del FolkClub è da sempre la capacità di fidelizzare oltre al pubblico anche gli artisti, offrendo uno spazio “speciale” per esibirsi, senza filtri e con una prossimità con il pubblico che non è per tutti.

Non è per tutti, ma certo invece si addice a Giddens e Turrisi, che nel loro set (io ho assistito alla seconda serata) sperimentano e si permettono una scaletta a dir poco eterogenea, che sfila tra i brani “classici” del repertorio della cantante, banjoista e violinista (in cui vi sono, come ricorda lei stessa, «plenty of very sad song», soprattutto sul tema della schiavitù) e riproposte-reinvenzioni da music hall anni Venti (“You Put the Sugar in My Bowl”), dal “Dido’s Lament” di Purcell alla “Pizzica di San Vito”, da Monteverdi (“Sì dolce ‘l tormento”) a “Wayfaring Stranger” alla musica irlandese, per chiudere con Sister Rosetta Tharpe e la Mina di “E se domani”.

Che, detto così, sembra un pastone difficile da frullare, ma che invece sta perfettamente su, e la differenza – manco a dirlo – la fanno la classe degli interpreti. Rhiannon Giddens ha studiato canto lirico, ha frequentato la musica irish (i due vivono in Irlanda) e imparato il fiddle da vecchi maestri afroamericani. Turrisi pure viene da esperienze eterogenee, ed è spalla perfetta, tra tamburelli assortiti di varia provenienza, pianoforte e fisarmonica – quest’ultima suonata con pronuncia dolcissima e molto originale, cercando contrappunti con il violino che fanno intuire un approccio “colto” allo strumento, molto pensato.

E la fa anche, è bene ricordarselo, il contesto del FolkClub: non sono certo che lo stesso set avrebbe funzionato altrettanto bene in un teatro, o su un disco. Ma se si suona “tra amici” – questa è l’impressione qui, quasi sempre – ci si può permettere questo e altro.

Rhiannon Giddens e Francesco Turrisi (foto di Massimo Forchino)
Rhiannon Giddens (foto di Massimo Forchino)

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Al FolkClub di Torino lungo le rotte di Lula Pena, in uno stream of consciousness di chitarra e voce

world

Reportage dal Festival musicale del Mediterraneo di Genova, quest'anno nel segno dell'EurAsia

world

Il Roma Jazz Festival si apre con la trasformazione dell’afrobeat dei Kokoroko