Gershwin al San Carlo

Lady, Be Good!  diretta da Timothy Brock

Lady, Be Good! 
Lady, Be Good! 
Recensione
classica
Napoli, Teatro San Carlo
Lady, Be Good! 
21 Novembre 2019 - 24 Novembre 2019

Divertimento, scoperta e piacere, il musical Lady, Be Good! della stagione del teatro San Carlo di Napoli - da giovedì 21 a domenica 24 novembre 2019 - dopo il successo dello scorso anno con My Fair Lady. Di George e Ira Gershwin, uno spettacolo ingegnoso, con senso della parola e ironia – slang americano, hobo (barbone) - reinventato in una serata da vero show, finalmente, con il suo dovuto ruolo di riferimento in città. Il problema del musical in un teatro d’opera è se stesso. Canzoni in varietà, con danze e dialoghi, leggero, che dà spettacolo, mordente sugli intrecci vocali, con personaggi dei più versatili – come il pianista cantante ballerino di tip tap - ma suona sempre un po’ straniante in tale contenitore. Il tutto avanza come un racconto da un dì all’altro, costumi elaborati, ricchi e variegati di Jesùs Ruiz in tono con le scene anni Trenta di Daniel Bianco: divani colorati e sempre ambientazioni di interni.  

Non è solo questo dinamismo della regia di Emilio Sagi, che ci tiene attenti e curiosi, ma gli affetti stessi, da squarci malinconici a momenti danzanti: ad esempio, il tip tap del secondo atto con le coreografie di Nuria Castejon. Ma soprattutto a rendere vero suono quello di Gershwin, è l’orchestra: inconfondibile nel timbro e accento. Timothy Brock ci riconsegna un testo come fosse jazz scavato in tutte le declinazioni possibili. Le variazioni partono da una diversa intenzione della parola e dei timbri: gioco, tristezza, furia e vanità. Dove, per altro, il direttore impasta con libertà espressiva i gruppi strumentali via via privilegiando alcune tinte: clarinetti e ottoni, a volte un passaggio solo a volte una cadenza improvvisativa. A tratti suona d’incanto il manipolo orchestrale, meno il coro diretto da Gea Garatti, poco integrato, peccato. Nicholas Garrett (Dick Trevor), è superlativo nella riflessione, e Jeni Bern (Susie Trevor), invece, è di cinismo assoluto. Per finire, Carl Danielsen (Jeff White) e Troy Cook ("Watty" Watkins), sempre attenti, morbidi nel canto, voci sorprendentemente luminose.  

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Difficile percorso ma esito felice per l’apertura di stagione al Teatro La Fenice con il Don Carlo

classica

Ampia partecipazione di pubblico per la conclusione del Festival, dedicato quest’anno a Luca Francesconi

classica

Roma: L'Orchestra Sinfonica Abruzzese per il Festival di Nuova Consonanza