Don Giovanni trader

Non seduce a Liegi il nuovo allestimento di Jaco Van Dormael

Recensione
classica
Opéra Royale de Wallonie, Liegi, Belgio
Wolfgang Amadeus Mozart
20 Novembre 2016

Il primo impatto con il nuovo allestimento del Don Giovanni di Mozart firmato dal cineasta belga Jaco Van Dormael (di recente autore del fortunato Dio esiste e vive a Bruxelles), alla sua seconda prova a Liegi come regista d’opera, è assai promettente con quella piscina che sembra vera con tanto di nuotatore che percorre la vasca su e giù con effetto ipnotico. Piscina in cui sarà annegato il Commendatore e da cui sempre il Commendatore alla fine risorgerà con una sostituzione dell’elemento acqua all’elemento fuoco, che funziona. In mezzo ci sta però l’idea di un Don Giovanni d’oggi, trader di borsa e golfista, che sa tanto di già visto – così come le gratuite scene di nudo, stavolta condite al cioccolato (dato che siamo in Belgio). I cliché, insomma, ci sono tutti. La cura della scenografia e delle luci (malgrado lo specchio inclinato sia un espediente oramai abusato), con un colpo d’occhio d’insieme sempre godibile grazie anche a trovate riempitive che funzionano, come i lavavetri, o i suoni e rumori della metropoli nei cambi scena (a volte un po’ troppo macchinosi), non bastano però a fare definire riuscita l’operazione.

Anche perchè il cast non aiuta: è emerso Don Ottavio, interpretato da Leonardo Cortellazzi, che ha saputo dare spessore al personaggio; il ruolo titolo di Don Giovanni non è sembrato invece nelle corde di Mario Cassi; Laurent Kubla, poi, non è credibile come Leporello, in questo caso più per ragioni di prestanza fisica che di timbro; Donna Elvira di Veronica Cangemi risulta ancora più isterica e sgraziata del solito, la prestazione è però nettamente migliore nella seconda parte; se la cavano poi più o meno tutti gli altri senza farsi particolarmente notare. Nota positiva dello spettacolo invece sicuramente la direzione del maestro Rinaldo Alessandrini, che offre una lettura rispettosa e assai godibile della partitura di Mozart.

Note: Nuova produzione Opéra Royal de Wallonie-Liège

Interpreti: Mario Cassi (Don Giovanni), Laurent Kubla (Leporello), Maria Grazia Schiavo (Donna Anna), Veronica Cangemi (Donna Elvira), Leonardo Cortellazzi (Don Ottavio),Céline Mellon (Zerlina), Roger Joakim (Masetto), Luciano Montanaro (Il Commendatore)

Regia: Jaco Van Dormael

Scene: Vincent Lemaire

Costumi: Fernand Ruiz

Orchestra: Opéra Royal de Wallonie-Liège

Direttore: Rinaldo Alessandrini

Luci: Nicolas Olivier

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Successo per il concerto di Lawrence Brownlee e Michael Spyres

classica

Questa “serenata” è una pietra miliare nella storia dell’opera, ma non è tra i capolavori di Porpora

classica

L’ultima opera di Alessandro Scarlatti presentata a Martina Franca in un’esecuzione musicale di alto livello