Butterfly dalla clubhouse alla bidonville

Caracalla:Alex Ollé (Fura dels Baus) rilegge l'opera pucciniana senza sentimentalismo decadente

Recensione
classica
Terme di Caracalla
Giacomo Puccini
14 Luglio 2015
Da una Butterfly a Caracalla non ci si può aspettare molto, ma se c'è di mezzo la Fura del Baus le cose cambiano. Com'è ormai la regola, l'epoca della vicenda è spostata ai nostri giorni. Il banchetto di nozze della coppia giappo-americana è preparato da un efficientissimo e chiaramente costosissimo catering sul prato all'inglese di un elegante club del tennis; tra gli invitati gli occidentali non sono soltanto l'ufficiale e il console americano, ma la maggioranza, tutti pescecani della finanza in grigio e occhiali da sole con annesse mogli "firmate" dalla testa ai piedi. Capiamo che Alex Ollé - come spiega nelle sue note di regia - vuole mettere l'accento sul rapporto di sfruttamento di un paese del terzo mondo, quale forse poteva essere considerato allora il Giappone, da parte dell'occidente capitalista e imperialista. Non è una gran novità, già in Illica-Giacosa-Puccini questo è abbastanza chiaro, ma quel che conta non è la tesi politica bensì l'impatto drammaturgico, che nel primo atto è modesto - sembra la solita regia fighetta - poi le cose cambiano e lo spettacolo diventa aspro, duro, anche sgradevole come la vicenda della ragazza-madre giapponese. Niente "casa a soffietto" ma una baracca di lamiere tra gli scheletri in cemento armato dei palazzoni che la "Pinkerton Corporation" sta tirando su e tra cui si sono sistemati altri disperati, rappresentati come profughi arrivati su qualche carretta del mare: sono loro a cantare il coro a bocca chiusa, che non è più dunque un sogno di Butterfly. E lei, dismesso l' "obi vezzoso", s'intabarra in una lacera coperta militare, gettata la quale appaiono una canottiera dozzinale e un paio di pantaloncini inguinali, come una qualunque ragazza di una qualunque periferia metropolitana. La sventura l'ha colpita e trasformata anche nell'intimo, si muove in modo sgraziato e sguaiato: non è volgarità, è il dolore insopportabile che ha fatto a pezzi la sua anima delicata e l'ha resa dura ed esacerbata, ma è solo una corazza esteriore, dentro resta fragile. L'interpretazione della rivelazione Asmik Grigorian, capace di inflessioni delicatissime ma mai manierate e di scatti drammatici violenti ma mai veristi in senso deteriore, è in linea con la regia e il risultato è emozionante e - lo confessiamo - commovente. Ottima direzione di Yves Abel, sebbene un po' penalizzata dall'acustica, e bene gli altri personaggi principali: Angelo Villari, Alessio Arduini, Saverio Fiore, Anna Pennisi. Meritatissima standing ovation per la Grigorian.

Note: Nuovo allestimento in collaborazione con Opera Australia/Sydney Opera House

Interpreti: Asmik Grigorian/Donata D'Annunzio Lombardi (Cio-Cio-San), Anna Malavasi/Anna Pennisi (Suzuki), Anastasia Boldyreva (Kate Pinkerton), Sergio Escobar/Angelo Villari/Fabio Sartori (Pinkerton), Alessio Arduini/Stefano Antonucci (Sharpless), Saverio Fiore (Goro), Andrea Porta (Yamadori), Fabrizio Beggi (zio Bonzo), Federico Benetti (Commissario imperiale)

Regia: Alex Ollé (La Fura dels Baus)

Scene: Alfons Flores

Costumi: Liuc Castells

Orchestra: Orchestra del Teatro dell'Opera di Roma

Direttore: Yves Abel

Coro: Coro del Teatro dell'Opera di Roma

Maestro Coro: Roberto Gabbiani

Luci: Marco Filibeck

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Al Festival Aperto di Reggio Emilia bel successo per la prima dell’opera di Dmitri Kourliandski su testo di Nastya Rodionova

classica

La Rondine al San Carlo di Napoli