Antonacci mattatrice

All'Opera di Liegi canta Wolf-Ferrari e Poulenc

Foto Lorraine Wauters - Opera Royal de Wallonie
Foto Lorraine Wauters - Opera Royal de Wallonie
Recensione
classica
Opéra Royale de Wallonie, Liegi, Belgio
Ermanno Wolf Ferrari
24 Gennaio 2016
Quasi un “one woman show” l'inaugurazione della stagione 2016 dell'Opera di Liegi che ha visto mattatrice il soprano Anna Caterina Antonacci intreprete unica per 45 minuti de La voix humaine di Poulenc e indossare le vesti della Contessa ne Il segreto di Susanna di Wolf-Ferrari, a fianco soltanto, in questo secondo caso, del giovane baritono Vittorio Prato e del ballerino, qui più mimo, Bruno Danjoux. Due ruoli che richiedono voce ma anche doti d'attrice e la Antonacci è all'altezza e disinvolta in entrambi, del resto lo spettacolo è ben rodato essendo una produzione dell'Opéra comique di Parigi che Liegi ha ripreso in toto, cast compreso. Scene pure minimali, meno funzionali per il Segreto di Susanna, perfette invece poi per illustrare il libretto di Cocteau. In tanta essenzialità la musica appare come l'altra protagonista, con l'Orchestra dell'Opera di Liegi che, sotto la direzione di Patrick Davin, sempre più precisa nel rendere la prima partitura, quella del Segreto di Susanna, che è un melange di stili e citazioni, a partire dal cabaret, molto più impegnativa, e con un organico infatti più consistente, di quello usuale per un Intermezzo. Delizioso il cembalo, molto godibili il duetto conclusivo e l'assolo finale di Susanna. E se oggi per una donna fumare non è più uno scandalo, il tema di una passione, qualsiasi essa sia, che pur volendolo non si riesce a controllare, è più che mai attuale, così come quello della gelosia, ed il pubblico ne ha seguito con immedesimazione e divertimento lo svolgersi. Nella Voce umana l'Orchestra è sembrata ancora più personificarsi, come l'altro all'altro capo del telefono ma anche come alter ego della protagonista, contribuendo a ben determinare il clima di angoscia e nevrosi del riuscito monologo cantato della Antonacci.

Note: Il Segreto di Susanna & La Voix Humaine Produzione dell'Opéra Comique in comproduzione con l'Opéra Royal de Wallonie e i Théâtres de la Ville de Luxembourg

Interpreti: Anna Caterina Antonacci (Contessa Susanna - Elle), Vittorio Prato (Conte Gil)

Regia: Ludovic Lagarde

Scene: Antoine Vasseur

Costumi: Fanny Brouste

Corpo di Ballo: Bruno Danjoux (il cameriere)

Orchestra: Opéra Royal de Wallonie

Direttore: Patrick Davin

Luci: Sébastien Michaud . Video: Lidwine Prolonge

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Semiramide firmata da Graham Vick e con la splendida direzione di Michele Mariotti sul podio dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ha inaugurato il Rossini Opera Festival

classica

A Drottningholm un riuscito allestimento dell’Ariodante di Händel con Ann Hallenberg protagonista

classica

A Festival della Valle d'Itria trionfo per Carmela Remigio come Ecuba e per un divertentissimo Matrimonio Segreto