Adriana, successo assicurato

In occasione del centenario della prima esecuzione, Adriana Lecouvreur torna all'Opera nel vecchio allestimento di Mauro Bolognini e ancora una volta seduce il pubblico col suo fascino spttile ma infallibile

Recensione
classica
Teatro dell'Opera Roma
Francesco Cilea
23 Aprile 2002
Inizialmente era annunciato un nuovo allestimento, poi il taglio della finanziaria ai fondi per lo spettacolo ha consigliato di riproporre quello del 1966, anche per un doveroso omaggio a Mauro Bolognini, che in questo teatro debuttò come regista d'opera. La sua regia dell'Adriana Lecouvreur, ripresa più volte da lui stesso fino al 1989, è stata per l'occasione ricostruita con la supervisione di Alberto Fassini, ma chi ricorda l'originale afferma che è andato perduto qualcosa della sua naturalezza, semplicità e verità, come conferma un confronto con i bozzetti e con le foto di allora, che evidenzia un certo aumento di ciaffi, trovarobato e controscene. Ma sono sempre affascinanti le vecchie scene dipinte e i sontuosi costumi, dai colori teneri e delicati come la musica di Cilea nei suoi momenti migliori. In questa cornice d'altri tempi si muoveva Fiorenza Cedolins: come attrice non ha la statura e il magnetismo delle grandi interpreti di Adriana che calcavano i palcoscenici quando Rondelli dipinse queste scene, ma canta benissimo ed è più vicina al gusto moderno che le dive del passato. Peccato che nel primo atto, forse per un nervosismo comprensibile nella sera del suo debutto a Roma, la voce non fosse molto ferma e gli acuti risultassero un po' tesi. In una parte che sollecita molto il registro grave, Marianne Cornetti esibisce un bel colore scuro da vero mezzosoprano ma non calca troppo la mano e evita di rendere costantemente torva la Principessa e di farne la solita virago. In quest'occasione quel bellimbusto di Maurizio non è all'altezza delle sue spasimanti: Alberto Cupido come attore è nullo e come cantante non fa altro che spingere e sforzare una voce che, ormai usurata e stanca, non regge più alle sollecitazioni. Complessivamente positiva la prova di Alberto Gazale, che però tende a essere un po' troppo diretto e appassionato per un personaggio come Michonnet, che è l'emblema della rinuncia, della timidezza, dell'insicurezza. Buono il Principe di Giovanni Battista Parodi, straordinario l'Abate di Mario Bolognesi. La presenza di Daniel Oren garantisce una grande attenzione all'evidenza dei dettagli strumentali e soprattutto una lettura vivida e teatrale: forse le movenze settecentesche delle scene d'ambiente erano fin troppo evidenziate ma nelle scene più drammatiche era perfetto il dosaggio tra empiti romantici ed estenuato lirismo fin de siècle. Pubblico soddisfatto e applausi per tutti, tranne che per il tenore, accolto da un mare di fischi quando si è presentato da solo al proscenio.

Interpreti: Cedolins/ Miricioiu, Cornetti/ Sebron, Cupido/ Portilla/ Licitra, Gazale, Parodi, Bolognesi, Nardinocchi, Orsolini/ Casertano, Igarashi, Lucarini/ Curiel

Regia: Mauro Bolognini ripresa da Alberto Fassini

Scene: Ettore Rondelli

Costumi: Maria De Matteis

Corpo di Ballo: Corpo di ballo del Teatro dell'Opera

Coreografo: Roberto Fascilla

Orchestra: Orchestra del Teatro dell'Opera

Direttore: Daniel Oren

Coro: Coro del Teatro dell'Opera

Maestro Coro: Andrea Giorgi

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Michele Vannelli propone il Giosuè di Bononcini per l’annuale incontro con l’opera barocca della rassegna Corti Chiese e Cortili

classica

Al Teatro La Fenice Gondellieder, diario veneziano dello scrittore con le canzoni da battello di Johann Adolf Hasse

classica

Al Bologna Festival un seducente concerto del cornettista Bruce Dickey, con il soprano Hana Blažíková