Viva Jommelli

Le celebrazioni del Conservatorio di Napoli

News
classica
Con un triplice evento dedicato a Niccolò Jommelli e Saverio Mattei: La costruzione della "scuola musicale di Napoli" il Conservatorio di Napoli celebrerà da oggi 27 ottobre il terzo centenario della nascita di Niccolò Jommelli (1714) compositore che si impose in tutta Europa, nella generazione prima di Mozart. A lui sono dedicati una Mostra e un Convegno internazionale sotto l'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica Italiana e con la collaborazione degli Istituti di cultura stranieri a Napoli, progetto coordinato da Elsa Evangelista direttore del Conservatorio. La Mostra documentaria che si inaugura alle 17 del 27 ottobre offre numerosi manoscritti di partiture, documenti d'archivio, libretti e inoltre ritratti e strumenti musicali dai tesori delle collezioni del Conservatorio. Seguiranno i primi interventi del Convegno di studi (Marotta, De Simone, Canessa) e alle 20,30 nella chiesa dei Santi Marcellino e Festo il Concerto "Elogio del Jommelli" con i salmi tradotti da Saverio Mattei musicati da Jommelli, nell'ambito del progetto Scarlatti Lab curato dalla Associazione Scarlatti Ente morale con il Conservatorio San Pietro a Majella (voce recitante Enzo Salomone, soprano Valentina Varriale, Orchestra Laboratorio Turchini diretta da Antonio Florio). Il convegno prosegue per tutta la giornata del 28 ottobre dalle 9,30 alle 19 con interventi di studiosi italiani e stranieri (Curtis, Di Benedetto, Mellace, Marino, Cafiero, Sisto, Hochstein, Rossi, Frisch, Vela Del Campo, de Brito, Leza, Mattei, Balbo, Tufano, Fabris e Florio). Una occasione per riparlare di un protagonista del Settecento recentemente riscoperto da Riccardo Muti a Salisburgo. Conservatorio

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

A Laulasmaa apre il centro con l’archivio del compositore estone e spazi di incontro per studiosi e appassionati

classica

Il direttore greco assumerà la direzione artistica dal 2021 in sostituzione di Laurence Cummings 

classica

Il Mibac ne riconosce l'interesse storico