Richard Strauss va in biblioteca 

Scaduti i diritti, la Biblioteca della Sassonia mette a disposizione online gratuitamente molto materiale documentale e sonoro sulle opere straussiane composte per Dresda 

News
classica
Strauss durante le prove del Rosenkavalier
Strauss durante le prove del Rosenkavalier

Trascorsi 70 anni dalla morte, dall’inizio di quest’anno le opere di Richard Strauss sono diventate di pubblico dominio e la SLUB, la Biblioteca Regionale e Universitaria della Sassonia, ne approfitta per mettere a disposizione nel proprio sito web una ricca scelta di materiali che documentano vita e opere del compositore bavarese. Grande è la soddisfazione di Barbara Wiermann, responsabile del dipartimento musicale della SLUB: "Si aprono nuove possibilità per dare accesso alle diverse fonti nello spazio digitale, che le rende facilmente consultabili da musicisti, studiosi e appassionati. Strauss ha combattuto con veemenza per il diritto d'autore in vita ed ha ottenuto molto. Crediamo, tuttavia, che dopo un periodo così lungo, il libero accesso alle fonti sosterrà ulteriormente l’approfondimento artistico e scientifico della sua opera.” 

A Dresda Richard Strauss conobbe i suoi più grandi successi e si affermò come uno dei compositori maggiori in terra tedesca e non solo. Nella città sassone 9 delle sue 15 opere andarono in scena per la prima volta, inizialmente grazie alla stretta collaborazione con Ernst von Schuch, direttore musicale della Semperoper dal 1882 e grande sostenitore della musica moderna, che nel suo teatro tenne personalmente a battesimo Feuersnot (1901), Salome (1905), Elektra (1909) e Der Rosenkavalier (1911) oltre a consacrare il compositore dedicandogli una “Settimana Strauss” già nel 1909. La tradizione continuò fino agli anni ’30 del secolo scorso e Richard Strauss continuò ad avere un occhio di riguardo per Dresda e il suo teatro. 

Oltre ai titoli più noti, la collezione contiene bozzetti autografi di opere meno note come IntermezzoDie ägyptische Helena e Die schweigsame Frau, fra le altre. Esposte anche le lettere di Strauss al direttore Ernst von Schuch e al Kapellmeister Hermann Kutzschbach. Il lavoro preparatorio del Rosenkavalier a Dresda può essere ricostruito attraverso i bozzetti di scenografia e i modelli dei costumi di Alfred Roller oltre i materiali orchestrali impiegati alla prima rappresentazione. Disponibili inoltre materiali su SalomeElektraRosenkavalier e Die Frau ohne Schatten in possesso della Staatskapelle di Dresda, riordinati e digitalizzati dalla SLUB nell’ambito del programma di digitalizzazione sostenuto dal governo della Sassonia. Messe a disposizione anche circa 320 registrazioni d’epoca di lavori straussiani con molti cantanti della Semperoper oltre a brani diretti da Fritz Busch. 

I materiali straussiani sono consultabili gratuitamente nei seguenti siti: 

www.slubdd.de/strauss (panoramica) 

www.slubdd.de/straussdigital (manoscritti e stampe) 

www.slubdd.de/strausston (registrazioni audio) 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Presentazione del successo del progetto EuropaInCanto, ma preoccupazioni per i tagli al programma
Europa Creativa nel nuovo budget settennale dell’Unione in discussione in queste ore a Bruxelles

classica

Musicians’ Union lancia una petizione online indirizzata al primo ministro Boris Johnson perché venga garantita la libertà di movimenti verso la UE 

classica

Chiusi per precauzione i teatri lombardi e di Milano per il Corona virus