Omaggio a Gaffurio a Milano

La prossima stagione dell'Accademia di Musica Antica di Milano affidata a Marco Antonio Cavazzoni

News
classica
Gaffurio

La stagione 2017 dell'Accademia di Musica Antica di Milano (AMAMI) si è conclusa nel migliore dei modi nella barocca sala del Refettorio al Museo della Scienza e della Tecnica con un concerto dedicato a Franchino Gaffurio, con composizioni sue e di contemporanei (Josquin Des Prez, Bartolomeo Tromboncino, Leonardo da Vinci, ecc.) eseguite dalla cantante Renata Fusco e da Massimo Lonardi al liuto rinascimentale.

Per l'occasione è stato presentato il volume Ritratto di Gaffurio, a cura di Davide Daolmi, sponsorizzato dalla stessa AMAMI e pubblicato dalla Libreria Musicale Italiana. Si tratta di una raccolta di saggi a firma di Davide Stefani, Martina Pantarotto, Francesco Saggio, Gianluca D'Agostino, Denis Forasacco e dello stesso curatore. Durante l'incontro Giuliana Albini, ordinario di storia medievale all'Università statale di Milano, ha tracciato una panoramica del periodo storico e una breve biografia di Gaffurio; Davide Daolmi ha invece accennato a un quesito risolto solo in parte, vale a dire come mai Gaffurio sia noto come autore di testi di teoria musicale ma ancora sconosciuto come compositore.

Una della ragioni potrebbe essere che, mentre i brani di Josquin Des Prez sono subito entrati nel circuito virtuoso delle partiture stampate, quelle di Gaffurio sono rimaste chiuse quasi fino ad ora negli anfratti del Duomo di Milano, città dove era lettore di musica alla corte sforzesca e dove continuò a insegnare anche dopo l'avvento dei francesi. Quanto alla prossima stagione, il presidente dell'associazione Giovanni Iudica ha annunciato che l'accademia di AMAMI si occuperà di Marco Antonio Cavazzoni (1485-1569), clavicembalista e organista, con qualche pubblicazione in merito, mentre i concerti saranno dedicati alla scuola napoletana. Il 21 marzo 2018 sarà invece interamente riservato ai compositori luterani che s'ispirano alla musica italiana, vedi Buxtehude o Bruhms. In questo senso un utile ascolto è un nuovo cd (Universal) della Nova Ars Cantandi diretta da Giovanni Acciai, che raccoglie alcuni brani di questo repertorio, tra cui un soprendente inedito di Schieferdecker (1679-1732).

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il Mibact ne riconosce l'interesse storico

classica

Venti concerti che iniziano con Haydn e finiscono con Stradella, passando per Ellington e Hendrix

classica

Roma: dal 31 ottobre la diciassettesima edizione del Festival Internazionale di Musica e Arte Sacra