Mario Messinis lascia il Bologna Festival

La nuova sovrintendente Maddalena da Lisca sostituirà il direttore artistico uscente

News
classica
Messinis, da Lisca, Stame (Foto Roberto Serra)
Messinis, da Lisca, Stame (Foto Roberto Serra)

“Oggi Bologna Festival è una delle maggiori società concertistiche italiane e ciò lo dobbiamo a Messinis.” Queste le parole di Federico Stame, Presidente dell’Associazione, a commento della conclusione dell’incarico di Direttore Artistico di Bologna Festival da parte di Mario Messinis. Quest’ultimo, nei quasi trent’anni del suo mandato dal 1992 ad oggi, ha trasformato la realtà del Festival, che grazie a lui ora mette in programmazione i più battuti repertori classici e romantici al fianco di cicli concertistici che privilegiano le proposte più originali, spaziando dal Barocco al Novecento e vantando in cartellone la presenza di nomi e formazioni tra i più noti del sinfonismo internazionale. Le responsabilità amministrative e artistiche del Festival sono state affidate dal Consiglio Direttivo a Maddalena da Lisca. Come nuovo sovrintendente, da Lisca sottolinea che “il sodalizio con Mario è la fortunata ricchezza che ha accompagnato quasi metà della mia esistenza. Gli scambi quotidiani con lui, ore ed ore di interessantissimo lavoro passate insieme, sono state una fonte di cultura musicale alla quale mi sono abbeverata per anni e della quale non finirò mai di essergli riconoscente”.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Leonora Armellini e Alexander Gadijev in finale

classica

55 concerti, dai classici ai Queen, tra L’Aquila e altri centri fino a Roma grazie alla collaborazione col Centro di Congressi “La nuvola”

classica

Dal 29 ottobre al 31 dicembre Madama Butterfly, Werther, María de Buenos Aires e il "debutto" di Farnace