L’opera “A Dream of Armageddon” in streaming gratuito

Il New National Theatre di Tokyo offre per un mese la visione del recente lavoro di Dai Fujikura diretto da Kazushi Ono

News
classica
“A Dream of Armageddon” (foto Masahiko Terashi)
“A Dream of Armageddon” (foto Masahiko Terashi)

Il New National Theatre di Tokyo (NNTT) offre in streaming gratuito la visione dell'opera di Dai Fujikura A Dream of Armageddon, il nuovo lavoro di teatro musicale presentato in anteprima mondiale a novembre 2020. Lo streaming sarà disponibile per la visione per un mese da a oggi, 28 gennaio, fino al 28 febbraio.

L'idea per questa nuova opera è nata da un breve romanzo di fantascienza scritto da H. G. Wells all'inizio del XX secolo. Il poeta Harry Ross, collaboratore di lunga data del compositore, declina la storia originale nel libretto di quest’opera concentrandosi sul tema della minaccia del totalitarismo.

Fujikura ha completato la sua partitura prima che si verificasse la pandemia di COVID-19, ma la società raccontata nell'opera riflette sorprendentemente la situazione caotica odierna che molti paesi stanno affrontando.

“A Dream of Armageddon” (foto Masahiko Terashi)
“A Dream of Armageddon” (foto Masahiko Terashi)

La messa in scena di Lydia Steier illustra la vicenda utilizzando proiezioni, costumi dai colori vivaci e scenografie suggestive. Citando le sue parole, A Dream of Armageddon è davvero un lavoro adatto a questo momento storico. La musica stessa descrive i sentimenti dei personaggi in modo eloquente ed attuale.

Questa recente produzione ha coinvolto cantanti con consolidata esperienza in opere contemporanee. Nel cast troviamo Peter Tantsits (Cooper Hedon), Seth Carico (Fortnum Roscoe/ Johnson Evesham) e Jessica Aszodi (Bella Loggia). Kazushi Ono dirige l'Orchestra Filarmonica di Tokyo e il New National Theatre Chorus.

New National Theatre Tokyo
New National Theatre Tokyo

L’opera A Dream of Armageddon è stata registra il 18 novembre 2020 ed eseguita all'Opera Palace, New National Theatre di Tokyo. La durata è di 1 ora e 39 minuti e l’opera è cantata in inglese con sopratitoli in inglese e giapponese. Il periodo di visione gratuita va, appunto, dal 28 gennaio al 28 febbraio 2022, e l’opera può essere fruita a questo link.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il Festival dal 16 luglio al 9 settembre

classica

Dopo l’estromissione di Ruth Mackenzie nel 2020, a sorpresa lascia il teatro anche l’attuale direttore Thomas Lauriot dit Prévost

classica

A Torino e Milano dal 5 al 25 settembre