A Bonn l'Internazional Telekom Beethoven Competition

Ci sono due italiani in gara

News
classica
Filippo Gorini vincitore nel 2015 (Foto Marco Bogrgreve)
Filippo Gorini vincitore nel 2015 (Foto Marco Borggreve)

Due su tre delle edizioni più recenti dell’Internazional Telekom Beethoven Competition, concorso pianistico che si svolge a Bonn con cadenza biennale, sono state vinte da concorrenti italiani: Filippo Gorini nel 2015 e Alberto Ferro nel 2017. Naturale quindi l’interesse che l’edizione 2021 –  aperta il  2 dicembre – può suscitare vista la presenza, anche stavolta, di due giovani pianisti italiani.

 

Ieri sera Cunmo Yin, pianista cinese classe 1993 vincitore dell’ultima edizione, si è esibito in un concerto di benvenuto durante il quale  sono anche presentati al pubblico i diciotto concorrenti, provenienti da undici diverse nazioni, che da domani e fino al prossimo undici dicembre si sfideranno sul palcoscenico dell’auditorium situato nella sede centrale della Deutsche Telekom. I concorrenti verranno ascoltati e valutati da una giuria internazionale, composta da nove musicisti, pianisti e artisti di fama internazionale, e presieduta da Pavel Gillov, direttore artistico e fondatore dello stesso concorso nel 2005.

 

I due concorrenti italiani sono Mattia Fusi e Giorgio Lazzari. Il primo, toscano classe 1997, diplomato al Conservatorio “L. Cherubini” di Firenze, si sta attualmente perfezionando con Siavush Gadjiev, frequentando il suo corso post-diploma alla “Glasbena Matica” di Trieste, ma ha già al suo attivo concerti in Italia e all’estero, nonché riconoscimenti ottenuti in altri concorsi. Lazzari, ventunenne, si è diplomato nel Conservatorio “G. Donizetti” di Bergamo, sua città natale, dove attualmente sta seguendo il biennio di specializzazione con Maria Grazia Bellocchio. Anche lui ha vinto premi in concorsi nazionali e internazionali, tra l’altro al momento è finalista al Concorso Schumann di Düsseldorf.

 

Nelle quattro fasi del concorso – che in realtà per la finale si sdoppierà in una prova cameristica e una con l’orchestra – avrà naturalmente un posto di rilievo il repertorio dell’illustre musicista nato a Bonn e al quale è intitolata la competizione. Anche quest’anno il pubblico potrà assistere, seguendo le regole imposte dall’attuale emergenza sanitaria, alle prove dei concorrenti, ma sarà anche possibile seguire il concorso online. Anzi, nelle prime due fasi, il pubblico da casa potrà votare i propri preferiti e il risultato sarà incluso nel giudizio della giuria come voto indipendente. Inoltre, il pubblico collegato online durante la semifinale determinerà il vincitore del Deutsche Telekom StreamOn Beethoven Award. Viceversa vincitore dello speciale Beethoven-Haus-Prize, verrà scelto durante la semifinale in base al voto del pubblico presente in sala.

 

Per tutte le informazioni e per seguire il concorso il sito di riferimento è:

https://www.telekom-beethoven-competition.de/

 

 

 

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Ritorna dal 3 all’11 settembre la manifestazione promossa a Padova da Barco Teatro

classica

Dal 28 agosto torna il festival elbano con il ritorno di Martha Argerich e la "prima volta" di Mischa Maisky

classica

Annunciati i titoli delle tre opere, nonché i direttori e i registi.