A Berlino il tampone prima del concerto funziona

Sono incoraggianti i primi risultati dell’esperimento pilota per sottoporre a tampone il pubblico in tempo reale in alcuni luoghi della cultura della capitale tedesca

News
classica
Tamponi alla Philharmonie
Tamponi alla Philharmonie

A Berlino sono stati anticipati i primi risultati dell’esperimento pilota per sottoporre a tampone il pubblico di teatri e concerti subito prima degli spettacoli e il bilancio è positivo. “Dopo la metà degli eventi programmati, possiamo concludere che le procedure previste stanno funzionando bene”, ha dichiarato Susanna Kunz, responsabile del progetto presso l’amministrazione culturale del Senato della capitale tedesca. Nessuno degli spettatori sottoposti a tampone per uno spettacolo teatrale del Berliner Ensemble e per due concerti alla Philharmonie e al Konzerthaus si sarebbe rivelato positivo al coronavirus. Alla Philharmonie, circa la metà dei 1000 spettatori è stata sottoposta a tampone sul posto e ottenuto il risultato dopo pochi minuti. Quanto alle code davanti ai luoghi dei concerti, secondo gli organizzatori si sarebbero formate a causa dell’arrivo degli spettatori troppo in anticipo sull’ora prevista per gli eventi.

Florian Kainzinger, responsabile del protocollo sanitario sviluppato per assicurare una riapertura dei teatri al pubblico in sicurezza, ha spiegato che “Il calcolo dei tempi necessari ha funzionato e anche le procedure per sottoporre gli spettatori a tampone si è rivelata fattibile sia dal punto di vista medico che di quello logistico.” Come lo stesso Kainzinger ha sottolineato, l’esperimento ha valore soprattutto dal punto di vista organizzativo più che scientifico. Gli organizzatori stanno pensando a un sistema decentralizzato per sottoporre a tampone gli spettatori per evitare che si formino code all’ingresso ma anche che spettatori non ancora testati utilizzino i mezzi pubblici per recarsi nei luoghi di spettacolo. Quanto ai costi, una valutazione preliminare indicherebbe in circa 35 euro il costo a spettatore, ma ottimizzando le procedure si potrebbe ridurre fino a circa 20 euro a spettatore, secondo i responsabili dell’esperimento.

A causa delle regole decise per Pasqua, l’esperimento sarà sospeso per ora e quindi niente esperimento con pubblico per Le nozze di Figaro alla Staatsoper il 2 aprile e Francesca da Rimini alla Deutsche Oper il 4 aprile. L’intenzione comunque è di proporre nuove date dopo Pasqua e di diffondere i dati completi a esperimento concluso per offrire una soluzione fattibile e sicura a un eventuale riavvio delle attività dei luoghi di spettacolo in presenza del pubblico a beneficio di tutto il mondo della cultura.

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Sulla piattaforma opere e concerti dal festival austriaco

classica

Come cambia l’opera e come rendere sostenibile il lavoro dei teatri lirici nell’agenda della Conferenza di Primavera di Opera Europa

classica

La quarantesima edizione del Premio assegnato dall'Associazione Nazionale dei Critici Musicali