Beethovenfest 2019

A Bonn dal 6 al 29 settembre

News
classica
La Philharmonia Zürich
La Philharmonia Zürich

Ancora una volta Bonn celebrerà l’illustre concittadino Ludwig nel periodo autunnale, quest’anno dal 6 al 29 settembre, grazie al Beethovenfest, vero e proprio tour de force di concerti ed eventi artistici che ben testimoniano la vivacità culturale non solo della città già sede del governo federale tedesco ma dell’intera regione della Renania Settentrionale - Vestfalia.

Per l’edizione 2019 la direttrice artistica Nike Wagner ha scelto un ‘motto’ che richiama uno tra i lavori più conosciuti del compositore tedesco: “Mondschein”, la celebre Sonata quasi una fantasia op. 27 n. 2, dedicata alla Contessa Guicciardi, che grazie al critico berlinese Ludwig Rellstab si conquistò il soprannome “Al chiaro di luna”. Si tratta tuttavia di un tema che travalica l’allusione alla famosa opera pianistica, riportando piuttosto all’indubbio fascino che il mondo notturno, il richiamo della natura e la pallida luce lunare hanno esercitato sullo stesso Beethoven e su molti altri artisti di diversi periodi storici. Apertura dunque (il 6/09) proprio con una delle composizioni più vicine allo spirito della natura, ovvero la Sinfonia Pastorale, che verrà eseguita dalla Philharmonia Zürich diretta da Jukka-Pekka Saraste. Bisognerà aspettare poi quasi tre settimane per ascoltare la celebre sonata, che sarà affidata alle mani di un esecutore come Pierre-Laurent Aimard (il 26/09), in un programma che comprenderà anche brani di Messiaen, Ligeti e Boulez.

Come tradizione, diverse sono le linee guida su cui sono organizzati i concerti, giocando per esempio sulla presenza di solisti di fama internazionale oppure sull’attenzione alla cosiddetta “authentische Aufführungspraxis” – l’esecuzione su strumenti storici – o anche puntando sull’espressione delle arti contemporanee. Tra l’altro spicca una messa in scena “in miniatura” del Fidelio, realizzata dal celebre Teatro delle Marionette di Salisburgo.

Tra i tanti altri appuntamenti in calendario merita ricordare: il concerto dell’Akademie für Alte Musik Berlin(7/09), diretta da Bernhard Forck, che affiancherà a quella di Beethoven la musica di Carl Philipp Emanuel Bach; il recital di Louis Lortie (20/09), dedicato agli Années de pèlerinage di Liszt, e quello di Ronald Brautigam, che proporrà la Sonata op. 106, in occasione dell’anniversario dei suoi 200 anni, su un originale “Hammerklavier”.

L’intero programma è disponibile sul sito: https://www.beethovenfest.de

 

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Inizieranno il 18 settembre i concerti di Bologna Festival all’Oratorio di San Filippo Neri 

classica

Il direttore d’orchestra italiano sostituirà dalla stagione 2021/22 Andrew Davis direttore musicale della Lyric Opera da vent’anni 

classica

Firenze: Nardelli rimarrà presidente del Teatro del Maggio Musicale Fiorentino