Bayreuth ci sarà ma in formato ridotto

Via libera dalla Fondazione all’edizione 2021 ma con le misure necessarie per cautelarsi sul piano finanziario evitando cancellazioni

News
classica
Festspielhaus Bayreuth
Festspielhaus Bayreuth

Via libera al Festival wagneriano di Bayreuth nella prossima estate, ma con le necessarie precauzioni per contenere eventuali conseguenze negative sul piano finanziario. “Si tratta di un segnale di speranza di un nuovo inizio in questi tempi difficili” ha dichiarato il ministro della cultura del governo bavarese, il cristianosociale Bernd Sibler. I quattro azionisti della Fondazione del Festival di Bayreuth – il governo federale tedesco, lo Stato federale della Baviera, il Comune di Bayreuth e la Società degli Amici di Bayreuth – hanno dunque dato mandato alla direttrice artistica Katharina Wagner di creare le condizioni per garantire lo svolgimento del festival nella prossima estate. La volontà è dunque di dare via libera alle manifestazioni evitando quanto accaduto nel 2020 con la cancellazione completa del festival con la consapevolezza che la prossima estate non sarà del tutto libera da rischi di contagio da coronavirus.

Katharina Wagner è già al lavoro su una programmazione ridotta rispetto alla tradizione ma rimane comunque confermata la già annunciata nuova produzione di Der fliegende Holländer con la direzione di Oksana Lyniv, prima donna a dirigere nel leggendario golfo mistico del Festspielhaus di Bayreuth. Confermate anche le riprese dei Meistersinger von Nürnberg e di Tannhäuser, mentre Die Walküre sarà messa in scena “da un rinomato artista performativo”, secondo quanto anticipato dalla stessa Wagner. Per Der Ring des Nibelungen completo occorrerà invece aspettare l’estate del 2022, quando il nuovo allestimento firmato dall’austriaco Valentin Schwarz con la direzione musicale di Pietari Inkinen vedrà finalmente la luce sulla collina verde. Supponendo che la pandemia sia ancora presente, si eviteranno assembramenti sul palcoscenico e, per questo, si stanno studiando varie misure. Per esempio, far cantare il coro nella sala prove sostituendolo in scena con un numero ridotto di figuranti.

Se hai letto questa news, ti potrebbero interessare anche

classica

Il capolavoro di Beethoven ha aperto la stagione 2021 del Teatro Regio. A marzo (forse) il Pelléas et Mélisande

classica

Si torna a parlare di un progetto di monumento al compositore nella sua città natale sviluppato degli anni ’30 del secolo scorso e mai realizzato

classica

Per l’italiano è una conferma, per il russo un nuovo incarico, che lo porta a succedere a Jurowski