Reinventare le meraviglie dell’opera barocca

Ercole amante di Francesco Cavalli in due DVD Naxos

"Ercole amante" di Francesco Cavalli (foto di scena Stefan Brion)
"Ercole amante" di Francesco Cavalli (foto di scena Stefan Brion)
Disco
classica
Di Pierro, Bonitatibus, Bridelli, Aspromonte - Adam Choir and Orchestra Pygmalyon - Raphaël Pichon
Francesco Cavalli. Ercole amante (2 DVD)
Naxos
2021

La storia della rappresentazione dell’opera Ercole amante di Francesco Cavalli nel Palazzo delle Tuileries è l’emblema della distanza tra la cultura del teatro musicale italiano e le aspettative e i gusti dell’ambiente aristocratico francese.

L’allestimento della ‘tragedia rappresentata per le nozze delle Maestà Christianissime’, come figura nel libretto originale dell’abate Francesco Buti, è del febbraio del 1662, ma il matrimonio tra Luigi XIV e Maria Teresa d’Asburgo era stato celebrato quasi due anni prima e nel frattempo il suo committente, il Cardinale Mazarino, si era spento a causa di una grave malattia. Il libretto venne stampato con la traduzione in francese del suo testo, ma ad entusiasmare le altezze reali e l’aristocratico pubblico furono le entrées de ballet inserite tra i suoi cinque atti di colui che stava diventando il deus ex-machina della vita musicale di corte: Jean-Baptiste Lully. Non fu soltanto l’acustica della ‘Salle des Machines’, come veniva chiamato il teatro allestito nel Palazzo, a causare l’insuccesso dell’opera, ma anche la lunghezza e la complessità della trama, nonostante il talento del compositore e dello scenografo Giuseppe Vigarani.

Diversamente l’allestimento moderno del novembre 2019, realizzato dall’Opéra Comique di Parigi in collaborazione con il Château de Versailles e l’Opéra National di Bordeaux, è stato un grande successo grazie alla creatività della sua eccellente  equipe. Con la regia di Valérie Lesort e Christian Hecq, il set designer di Laurent Peduzzi e i fantasiosi costumi e le machineries di Vanessa Sannino, il fasto barocco è stato reinventato attraverso una straordinaria dimensione spettacolare piena di scene e figure sorprendenti. Eccellente anche l’esecuzione musicale dell’ensemble Pygmalion diretto da Raphaël Pichon, e del cast vocale composto da Nahuel di Pierro (Ercole), Anna Bonitatibus (Giunone), Giuseppina Bridelli (Deianira), Francesca Aspromonte (Iole), Krystian Adam (Hyllo), Eugénie Lefebvre (Venere, Bellezza, Cinzia), Luca Tittoto (Nettuno, Eutyro), Ray Chenez (Il Paggio), Dominique Visse (Licco), e da personaggi minori affidati alle valenti voci dell’ensemble.

Non si sarebbe potuta immaginare una maniera migliore per dare forma all’inverosimile, che è uno dei principali tratti delle complicate trame del teatro musicale barocco, e fra le tante odierne messinscene di moda ambientate in uno sguaiato presente, questa si distingue per eleganza, fantasia e creatività. L’originale allestimento dai tratti fiabeschi e surreali venati di ironia ha meritato il Grand Prix Musique du Syndicat professionnel de la Critique, e questo doppio dvd offre la possibilità di conoscere un pilastro della storia dell’opera con un divertimento degno delle Metamorfosi di Ovidio a cui è liberamente ispirato.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Le metamorfosi del sax contemporaneo

Marina Notaro è protagonista di Maschere, un disco dedicato alla dimensione solista del sassofono riletta da nove compositori italiani

Alessandro Rigolli
classica

Il capolavoro ritrovato

Il monumentale Requiem di Bruno Maderna del 1946 risplende in un prezioso cd Stradiuvarius che documenta la prima assoluta alla Fenice di Venezia del 2009 diretta da Andrea Molino

Paolo Carradori
classica

Il vero e il verosimile

Raffaele Pe e La lira di Orfeo propongono la costruzione indiziaria di una presunta “Versione Senesino” della serenata Aci, Galatea e Polifemo di Händel

Marco Beghelli