Le metamorfosi del sax contemporaneo

Marina Notaro è protagonista di Maschere, un disco dedicato alla dimensione solista del sassofono riletta da nove compositori italiani

Marina Notaro (foto Giada Princiotto)
Marina Notaro (foto Giada Princiotto)
Disco
classica
Marina Notaro
Maschere
Da Vinci Classics
2021

Il sassofono, una interprete, nove compositori italiani. Questa è l’essenza dei questo lavoro discografico titolato Maschere, che raccoglie alcuni significativi esempi di – traducendo alla buona il sottotitolo del disco – “nuova musica per sassofono solo e sassofono e musica elettronica”.

Per chi conosce un poco le caratteristiche degli strumenti ad ancia, e dei sax in particolare, anche solo un primo ascolto dei nove brani che compongono questo lavoro rappresenta di per sé un buon banco di prova per prendere le misure della consapevolezza e della capacità tecnica di Marina Notaro.

Una solidità strumentale, quella espressa dall’interprete siciliana, che riesce a emergere in maniera dinamica ed espressiva, declinandosi nelle differenti sfaccettature stilistiche che si susseguono traccia dopo traccia, in una sorta di variegata galleria idiomatica che, assieme alla varietà timbrica espressa dalla classe strumentale dei sassofoni, ha il pregio di restituire la variopinta fantasia creativa di una selezionata compagine di compositori del nostro Paese.

Marina Notaro – Foto Luca Rotondo
Marina Notaro (foto Luca Rotondo)

Se poi, dal primo ascolto passiamo ad approfondimenti successivi, possiamo annotare come uno dei pregi più evidenti della Notaro come interprete, al di là di una padronanza tecnica evidentemente più che solida, sia la capacità di aderire alla natura estetica dei differenti brani senza snaturarne l’essenza, in una sora di equilibrata miscela tra restituzione della pagina musicale ed espressione interpretativa della stessa.

Un giuoco di mascheramenti, appunto, che appongono sul timbro dello strumento rappresentato dal sassofono, al tempo stesso così popolare e così poco conosciuto nelle sue differenti sfaccettature, i simulacri stilistico-espressivi ideati dai nove compositori coinvolti, appartenenti al panorama della musica contemporanea italiana e impegnati a disegnare pagine originali segnate da caratteristiche, stili e linguaggi anche molto differenti tra loro.

In rigoroso ordine di successione d’ascolto, incontriamo quindi composizioni di Alberto Di Priolo, Orazio Sciortino, Angelo Sormani, Fabio Massimo Capogrosso, Nelly Li Puma, Massimiliano Viel, Giulio Marazia,  Giorgio Colombo Taccani e Leonardo Marino.

Una sequenza di fogge espressive – di “maschere”, appunto – tratteggiate con misurata freschezza, segno questo che denota una significativa consapevolezza della Notaro come interprete dotata in una evidente e apprezzabile personalità.

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

“All’amore immenso” di José Maria Lo Monaco

Arie barocche dedicate alla Vergine e a Maddalena per il primo CD del mezzosoprano

Alma Torretta
classica

Pianca e gli arciliuti del Seicento

Luca Pianca interpreta toccate e danze dei principali artefici della musica italiana per arciliuti della prima metà del Seicento

Paolo Scarnecchia
classica

Kremer e la matura solitudine del violino di Weinberg

Gidon Kremer ha celebrato i suoi 75 anni dedicando un disco a tre sonate per violino solo di Mieczysław Weinberg

Alessandro Rigolli