Daniel Villareal fra Panama e Chicago

L'album di debutto del batterista, DJ e compositore panamense-americano è un viaggio fra psichedelia, cumbia, afrobeat e latin-funk

Daniel Villarreal (foto di Carolina Sanchez)
Daniel Villarreal (foto di Carolina Sanchez)
Disco
world
Daniel Villareal
Panamá 77
International Anthem
2022

Daniel Villarreal-Carrillo è un batterista nonché DJ molto conosciuto all’interno della scena di Chicago. Originario di Panama, è riuscito a fondere il suo stile percussivo latino-americano con influenze di rock psichedelico, cumbia, afro-beat, boogaloo, free jazz, hip-hop e funk, dando vita a un paesaggio sonoro originale e totalmente contemporaneo.

Panamá 77, il suo album di debutto come solista, non è incasellabile in un genere ben preciso, è intriso di spirito improvvisatorio, risultando in qualcosa di veramente naturale e vivo.

Dos Santos è un quintetto con base a Chicago che mette insieme la musica popolare americana e quella tradizionale latina: no, descritta così sembra qualcosa di già sentito, di poco originale, quando in realtà questo gruppo è uno dei più interessanti e sorprendenti ascoltati negli ultimi anni. Attivo discograficamente dal 2015, ha realizzato quattro album, ovviamente consigliatissimi: Dos Santos (2015), Fonografic (2016), Logos (2018) e City of Mirrors (2021).

 Il gruppo è composto da Alex Chavez (voce, chitarra e tastiere), Jaime Garza (basso), Nathan Karagianis (chitarra e voce), Peter “Maestro” Vale (percussioni) e… sì, proprio lui, Daniel Villareal-Carrillo (batteria).

Villarreal iniziò a suonare la batteria nelle scene punk e hardcore dell’America Centrale. Freddy Sobers, batterista dei gruppi panamensi di reggaeton El General e Nando Boom, lo prese sotto la sua ala, facendogli al contempo conoscere tutti quei generi musicali che ritroviamo oggi in Panamá 77. Trasferitosi a Chicago, ha suonato con Valebol, The Los Sundowns e Ida y Vuelt, prima di conoscere gli altri musicisti con cui ha dato inizio all’avventura dei Dos Santos.

Lavorando come DJ Daniel si specializza in suoni vintage dell’Afro-diaspora ma i suoi set mettono in mostra la sua profonda conoscenza di electronica, tropicalia, vintage latin soul, chicha, psychedelic cumbia, afrobeat, reggae e funk, generi che ovviamente contribuiranno a plasmare la sua creatività musicale.

«Vedo la mia vita e la mia musica come una collaborazione tra improvvisazione e intento, tutto nello spirito di condivisione e gioia» - Daniel Villareal

Il lavoro su Panamá 77 è cominciato nel 2019: prima dell’inizio della pandemia, Villarreal si è diviso tra West Coast e Chicago, tra San Diego, dove vivono le sue figlie, e Los Angeles, per suonare e fare il DJ. Una sera ha tenuto una live session nella lobby del Freehand Hotel a Los Angeles; l’esibizione, in gran parte improvvisata, ha visto la partecipazione del chitarrista Jeff Parker, di Elliot Bergman dei Wild Belle e di Bardo Martinez dei Chicano Batman (altro gruppo che mi sento di raccomandare) ed è stata registrata dal bassista Kellen Harrison: a sentire Villarreal, questa è stata la motivazione iniziale a fare qualcosa per se stesso.

Poi è arrivato il 2020 e per forza di cose il progetto è stato messo in pausa: «È andata bene ed è andata male, come per un sacco di persone. Penso che la cosa più grave sia stata la scomparsa del flusso di lavoro e poi, in quanto persona creativa, essere rimasto da solo, non avere più i miei compagni e la mia comunità per continuare a creare e contribuire ai raduni sociali».

Dopo quanto scritto in questa lunga introduzione, non è una sorpresa che il suo primo album solista contenga un’affascinante miriade di suoni folk-funk e di trame di jazz psichedelico. Il sassofono di “Bella Vista” è un’invocazione che dà il calcio d’inizio di Panamá 77, a cui si legano l’improvvisazione in technicolor di “Ofelia”, brano dedicato alla memoria di Ofelia De León, nonna di Daniel, e la sensazione di umidità di una notte d’estate ricreata da “In/On”. “Uncanny”, funk dal sapore caraibico con improvvise aperture “cosmiche” e un organo memore di quello di William Onyeabor, è senz’altro una delle vette della raccolta.

 «Quando sono parte di una band, contribuisco con la mia batteria, le mie percussioni, e anche arrangiando o componendo qualcosa insieme con uno stile musicale ben definito o un tema specifico. Ma con il mio disco volevo solo che fosse una tela libera e con la mente aperta, non volevo dire agli altri cosa suonare» - Daniel Villareal

Ed è stata proprio la mente aperta nell’ottobre del 2020 a riportare Daniel a Los Angeles, dove ha registrato quattro brani dal vivo, sessioni di musica nuova catturate all’aperto nel patio dell’abitazione di Scottie McNiece, co-fondatore dell’etichetta discografica International Anthem.

Ecco, l’International Anthem: se non la conoscete, vi dico solo che attualmente ha sotto contratto Alabaster DePlume, Angel Bat Dawid, Makaya McCraven, Anteloper, Irreversible Entanglements, Damon Locks – Black Monument Ensemble, Dos Santos e altri ancora di cui presto sentiremo (e dovremo) parlare, e quindi non penso di sbagliare affermando che questa è una delle poche etichette che oggi sta veramente proponendo musica nuova.

Ma torniamo ai 12 brani, tutti strumentali, che compongono Panamá 77: il notturno “Activo” fa sfoggio di una base percussiva ipnotica, mentre nella parte conclusiva dell’album sono gli organi e i synth a farla da padroni, con particolare riferimento a “Patria”, una specie di valzer che evoca nella sua melodia la leggenda panamense Avelino Muñoz, e a “18th & Morgan,” un’ode sullo stile di Roy Ayers alla via molto trafficata in cui Daniel vive e lavora.

 Panamá 77 è l’omaggio di Villareal ai suoni della sua giovinezza ma anche al suo presente, un disco che riesce a trasmettere all’ascoltatore quell’atmosfera di libertà in cui è stato concepito. «Volevo condurre la gente in un viaggio»: obiettivo centrato.

 

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

world

Pierre Kwenders nel nome di Papa Wemba

Congolese di base in Canada, Pierre Kwenders porta la rumba nel nuovo millennio

Ennio Bruno
world

Leyla McCalla, febbre a Haiti

Nel nuovo lavoro Breaking the Thermometer Leyla McCalla riscopre le proprie radici antillane

Alberto Campo
world

Ettore Castagna, narratore di storie

Ἐρημὶα / Eremìa è il nuovo disco di Ettore Castagna

Guido Festinese