West Side Story all'italiana

A Firenze il teatro del Maggio propone il capolavoro di Leonard Bernstein 

West Side Story
West Side Story
Recensione
classica
Firenze, Teatro del Maggio
West Side Story
13 Dicembre 2018 - 22 Dicembre 2018

Il Teatro del Maggio Musicale Fiorentino propone un musical dei più classici e certamente dei più noti e graditi anche al pubblico dell’opera, West Side Story, come spettacolo natalizio a molte repliche (sono infatti nove, fino al 22 dicembre), andato su ieri 13 dicembre. È un allestimento italiano del capolavoro di Leonard Bernstein, con la regìa di Federico Bellone qui ripresa da Chiara Vecchi, che ha già girato in alcuni dei nostri principali teatri, e il cui richiamo principale è costituito dalle meravigliose coreografie originali di Jerome Robbins (riprese da Fabrizio Angelini), e da un’ambientazione fedele, puntigliosamente anni Cinquanta, ma alleggerita dal piacevole gioco geometrico e modulare degli edifici, scale antiincendio e interni semoventi (scene di Hella Mombrini e Silvia Silvestri, costumi di Chiara Donato). Ma diremmo che i meriti dello spettacolo si fermano qui o quasi. Colpa di cosa ? Dell’effetto straniante, spiazzante, innaturale di liriche in inglese e parlati in italiano ? Del mediocre risultato della convivenza tra suoni amplificati in palcoscenico e non amplificati nella buca d’orchestra, con squilibri e incidenti che ci si augura si possano correggere nelle repliche ? Certo, e magari – facciamo un ipotesi - anche del fatto che quando devi selezionare un cast di gente che deve saper cantare, ballare e recitare, è possibile che non proprio tutti sappiano fare tutto (intendiamo dire farlo bene). Anzi diremmo che nella copiosa compagnia gli unici che sapessero fare tutte e tre le cose erano l’ottima Anita di Simona di Stefano, non a caso la più festeggiata dal pubblico, e dopo di lei il Riff di Giuseppe Verzicco, il capo dei Jets, e a loro aggiungiamo anche la simpatica e comunicativa Anybody di Giorgia Ferrara. Non a caso erano Anita e Riff a trascinare i due numeri meglio riusciti, per l’appunto il celeberrimo Americadi Anita e amiche, e il jazzistico Cool di Riff con i Jets, ma in generale hanno funzionato i numeri collettivi a forte impatto coreografico e ritmicamente innervati, come il Mambo in  palestra. È mancato invece il lato lirico e romantico della faccenda, quello che fa di West Side Story ciò che è, una geniale immersione nei bassifondi di New York di Giuliettae  Romeo, ed è mancato per una certa debolezza o scenica o canora dei Tony e Maria di  questo allestimento, Luca Giacomelli Ferrarini e Caterina Gabrieli, che però, vista la natura del loro impegno attoriale e vocale, erano anche quelli messi più a dura prova dagli squilibri sonori e dagli “spiazzamenti” di cui si diceva. Orchestra del Maggio così e così (eppure l’abbiamo sentita spesso eseguire bene o benissimo la suite che Bernstein ricavò dal musical), sul podio una bacchetta pur valente, Francesco Lanzillotta, che però non ci è sembrata particolarmente versata per il genere, teatro pienissimo, successo cortese ma non entusiasta.   

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

La prima metà del festival Laus Polyphoniae di Anversa, alla scoperta dei giovani della musica antica

classica

A Drottningholm un riuscito allestimento dell’Ariodante di Händel con Ann Hallenberg protagonista

classica

Semiramide firmata da Graham Vick e con la splendida direzione di Michele Mariotti sul podio dell'Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai ha inaugurato il Rossini Opera Festival