Un Turco a Catania

Buon esito per l’allestimento del titolo rossiniano firmato da Mirabella

Recensione
classica
Teatro Massimo V. Bellini Catania
Gioachino Rossini
29 Aprile 2015
Calata entro una scena tradizionale ma funzionale ed elegante (parte anteriore con piastrelle simil-ceramica tra Capodimonte e bagno turco, parte posteriore con affaccio litoraneo e un ineschivabile vulcano), completata da costumi cromaticamente brillanti e differenzianti i diversi gruppi di personaggi, la regia di Michele Mirabella non calca la mano sulle strutture ‘comiche’ di questo Turco in Italia, neppure per enfatizzare il ruolo manipolatore del poeta-demiurgo. Dopotutto, se ne avvantaggiano la musica di Rossini e quelle strutture che avrebbero operato comunque in una sorvegliata, spensierata ma non spudorata drammaturgia buffa, anche se in alcuni punti l’immancabile affezione da ‘horror vacui’ porta a movimenti scenico-coreografici alquanto pleonastici. Il cast vocale si è disimpegnato nella media più che onorevolmente, con qualche problema di assestamento ritmico in rapporto all’Orchestra del Teatro Massimo Bellini, peraltro ben condotta con morbidezza, leggerezza e precisione da Leonardo Catalanotto. Simone Alaimo (Selim) forse non era nella sua serata migliore, ma ha retto con misura ed esperienza la parte, caratterizzandola con un registro più nobile che comico, lasciato - questo - più alle cure dell’ottimo Marco Filippo Romano (Geronio). Molto bene Giulio Mastrototaro (Prosdocimo), Giorgio Misseri (Narciso) ha cantato a buon livello l’aria del 2° atto, bene pure i ruoli femminili (Silvia Dalla Benetta – Fiorilla, Antonella Colaianni - Zaida ),sebbene a volte sia mancato loro qualcosa in pienezza del timbro e in chiarezza della parola. Completavano il cast Salvatore D’Agata e il Coro guidato da Ross Craigmile. Pubblico plaudente ma non molto numeroso.

Note: Assistente alla regia: Maura Ippoliti

Interpreti: Selim: Simone Alaimo – Gabriele Sagona Donna Fiorilla: Silvia Dalla Benetta - Manuela Cucuccio Don Geronio: Marco Filippo Romano - Sergio Vitale Don Narciso: Giorgio Misseri – Daniele Zanfardino Prosdocimo: Giulio Mastrototaro – Francesco Vultaggio Zaida: Antonella Colaianni Albazar: Salvatore D'Agata

Regia: Michele Mirabella

Scene: Alida Cappellini - Giovanni Licheri

Costumi: Alida Cappellini - Giovanni Licheri

Coreografo: Silvana Lo Giudice

Orchestra: Orchestra e Tecnici del Teatro Massimo Bellini

Direttore: Leonardo Catalanotto

Coro: Coro del Teatro Massimo Bellini

Maestro Coro: Ross Craigmile

Luci: Franco Ferrari

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy