Un Mahler ungherese in giro per l'Italia

Virtuosa, colorata, potente ma delicata la Budapest Festival Orchestra, analitico Fischer

Recensione
classica
Accademia di Santa Cecilia Roma
13 Marzo 2016
La Sinfonia n. 3 di Mahler è stata eseguita per la prima volta nei concerti di Santa Cecilia nel 1963, ad oltre sessant'anni dalla prima assoluta, ma negli ultimi decenni la si programma ogni tre o quattro anni, senza lasciarsi intimorire dall'enorme impegno. Questa volta si è "approfittato" della tournée della Budapest Festival Orchestra, che subito dopo Roma toccherà stasera Milano e domani Bologna, per poi proseguire in altri stati europei. Sul podio stava Ivan Fischer, che ha fondato quest'orchestra nel 1983 e da allora ne è il direttore musicale e ne dirige la maggior parte dei concerti. Dunque si capisce come tra direttore e orchestra si sia potuta creare la fantastica intesa di cui ci hanno dato prova, ma che non servirebbe a molto senza le idee del direttore e il virtuosismo dell'orchestra. La lettura di Fischer è molto analitica e questo risultato è raggiunto anche con quella lente d'ingrandimento che sono i tempi molto dilatati. Mai come in questo caso si deve evitare la confusione tra analitico e oggettivo, in quanto la lettura di Fischer è anche molto soggettiva, perché è lui a scegliere dove soffermarsi con la sua lente d'ingrandimento. Nello sconfinato primo movimento, che dura da solo più dell'intera Quinta di Beethoven, sono messi in evidenza assoluta i temini popolari, striduli e incerti come se suonasse un'orchestrina da balera, la prima marcetta miliare, che arriva attenuata come una banda che sfili lontana, e i canti degli uccelli, miniaturisticamente cesellati. All'estremo opposto esplodono più che mai possenti i grandi blocchi del tema degli otto corni all'unisono (una sezione strumentale prodigiosa per compattezza e splendore del suono) e dell'esaltante corteo dionisiaco che conclude il movimento. Sarebbe impossibile analizzare a nostra volta una tale minuziosa analisi di tutti gli oltre cento minuti di questa Sinfonia, ma basti dire che è stato un viaggio meraviglioso nel mondo sonoro di Mahler. Questa lenta d'ingrandimento concentra sui dettagli suscita interesse e ammirazione, ma coinvolge più la testa che il cuore, però non mancano i momenti di emozione struggente, come il sognante intervento del cornetto del postiglione, il misterioso e profondo Lied del contralto (l'ottima Gerhild Romberger) e ancora la sublime lunghissima melodia del sesto e ultimo movimento, che era lento, tranquillo, profondamente sentito, proprio come lo voleva Mahler.

Interpreti: Gerhild Romberger, contralto

Orchestra: Budapest Festival Orchestra

Direttore: Ivan Fischer

Coro: Coro e Voci Bianche dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia

Maestro Coro: Ciro Visco

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

A Roma una Turandot con la Compagnia Nazionale dell’Opera di Pechino

classica

Il Ritorno di Ulisse in patria al Teatro Massimo

classica

L’Atelier della Fenice al Teatro Malibran realizza un riuscito allestimento del Sogno di Scipione