Un giovane Don Giovanni

Al Petruzzelli la sempre bella riedizione del San Carlo a Bari in un teatro semivuoto

Recensione
classica
Teatro Petruzzelli Bari
Wolfgang Amadeus Mozart
12 Settembre 2012
La prima recita del “Don Giovanni” è andata in scena al Petruzzelli di Bari al termine di una giornata definita “molto difficile” dal commissario Fuortes, e con un’ora di ritardo, per effetto dello sciopero della Cgil che ha cancellato la prima di lunedì scorso. I professori del coro e dell’orchestra stanno facendo ostruzionismo alla pubblicazione del bando per la selezione pubblica (oltre 1400 le domande), invocando l’assunzione a tempo indeterminato, dopo aver prestato la propria opera per due anni e mezzo sulla base di incarichi “fiduciari”. Inizialmente programmato come nuova produzione con la regia di Daniele Abbado, poi convertito in riedizione dell’allestimento che Mario Martone ha fatto per il San Carlo una decina d’anni fa, questo “Don Giovanni” resterà nella storia del Petruzzelli per la solidità delle idee registiche, la compiutezza dell’apparato scenico e per la scelta del cast: non si capiva perché a Bari era diventato ormai impossibile ascoltatore delle voci di qualità. Nicola Ulivieri e Carmela Remigio sono certezze internazionali, ma grande impressione ha suscitato la prova del ventiquattrenne Alessio Arduini, un Don Giovanni giovane come quello della prima. La scelta di far sconfinare i cantanti in platea ha inoltre avuto il merito di evitare quegli ormai fastidiosissimi difetti d’acustica del palco del Petruzzelli. L’amarezza della cronaca ha sicuramente influito sulla prestazione dell’orchestra che ha risposto con determinazione felina alla lettura come sempre acuta di Roberto Abbado. C’è molta incertezza sulle date delle repliche previste domani, domenica e martedì. La notizia della revoca di una convocazione in prefettura del segretario locale della Cgil, giunta ieri sera, potrebbe far saltare ogni ulteriore recita. E sarebbe un vero peccato.

Note: Allestimento del teatro San Carlo

Interpreti: Alessio Arduini (Don Giovanni), Burcu Uyar (Donna Anna), Joel Prieto (Don Ottavio), Andrea Mastroni (Il Commendatore), Carmela Remigio (Donna Elvira), Nicola Ulivieri (Leporello), John Chest (Masetto), Jana Kurucova (Zerlina)

Regia: Mario Martone

Scene: Sergio Tramonti

Costumi: Sergio Tramonti

Orchestra: Orchestra della Fondazione Petruzzelli

Direttore: Roberto Abbado

Coro: Coro della Fondazione Petruzzelli

Maestro Coro: Franco Sebastiani

Luci: Pasquale Mari

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Il barocco frizzante e agilissimo di Vivica Genaux conquista l’Auditorium Manzoni di Bologna

classica

Il lavoro di Silvia Colasanti in prima assoluta per il sesto centenario dell’inizio dei lavori della cupola di Filippo Brunelleschi

classica

Milano: successo con la Filarmonica della Scala