Un circo per Mozart

Il Flauto Magico firmato da Roussat & Lubek

Recensione
classica
Opéra Royale de Wallonie, Liegi, Belgio
Wolfgang Amadeus Mozart
20 Dicembre 2015
Tutto esaurito a Liegi per un Flauto magico un po' circense, con il ricorso ad acrobati per accentuarne l'apprezzamento ludico a fronte dei tanti significati iniziatici e filosofici di cui trasuda l'opera di Mozart. Purtroppo il titolare della parte di Tamino, il tenore Anicio Zorzi Giustiani, si è dovuto assentare per un lutto familiare e quindi in alcune recite la sua parte è stata cantata da Matthes Newlin al proscenio, mentre uno dei due registi-coreografi, Julien Lubek, ne ha interpretato, muto ma efficace, la parte in scena. Noi abbiamo assistito ad una di queste serate, Newlin ha una bella voce e conosce bene la partitura, anche se gli manca a tratti quella piena partecipazione che nella maggior parte dei casi solo indossare il costume e giocare davvero il ruolo può dare. Nel ruolo di Pamina la giovane soprano belga Anne-Catherine Gillet che supera con piena sufficienza la prova, il suo canto scorre fluido, sempre piacevole. Più complessa e interessante la performance della soprano di origine turca Burcu Uyar, al suo debutto a Liegi, fa temere, per qualche frazione di secondo, di non farcela con le celeberrime impervie arie della Regina della Notte, invece ogni volta supera con impeto tutte le prove. Alla fine è tra i più applauditi, insieme a Gianluca Buratto, sicuro e convincente nella parte di Sarastro, e bene anche Mario Cassi in quella di Papageno. Il secondo atto è più riuscito del primo, la rappresentazione parte un po' fredda e poi si fa apprezzare anche grazie alla buona prova dell'Orchestra guidata con equilibrio e precisione dal maestro Paolo Arrivabeni. Scene e costumi sono un melange di epoche e stili, con qualche buona idea. Godibilissimi infine i tre ragazzi dalla voce d'angelo e i coro nascosto dietro l'orchestra.

Note: Production: Opéra Royal de Wallonie Sino al 05/01/2016

Interpreti: Anne-Catherine Gillet 8Pamina), Anicio Zorzi Giustiniani - Matthew Newlin (Tamino), Mario Cassi 8Papageno), Burcu Uyar (la Regina della Notte), Gianluca Buratto (Sarastro), Inge Dreisig (Papagena), Krystian Adam (Manostatos)

Regia: Cécile Roussat, Julien Lubek

Scene: Elodie Monet avec Cécile Roussat et Julien Lubek

Costumi: Sylvie Skinazi

Coreografo: Cécile Roussat et Julien Lubek

Orchestra: Opéra Royal de Wallonie

Direttore: Paolo Arrivabeni

Coro: Opéra Royal de Wallonie

Maestro Coro: Pierre Iodice

Luci: Marc Gingold

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

L’Opéra Comique di Parigi riporta in scena con grande successo la commedia lirica di André Messager tratta da Alfred de Musset 

classica

All’Opera di Roma Daniele Gatti guida ad un’interpretazione maiuscola un ottimo cast e un coro e un’orchestra  in gran forma

classica

Napoli: successo per lo spettacolo inaugurale della stagione del San Carlo con Valčuha sul podio