A Swinging Merry Christmas

Educare divertendo. La magica formula dei King's Singers

Recensione
classica
Auditorium Parco della Musica Roma
07 Dicembre 2012
I magnifici sei, i King's Singers, entrano in scena, salutati da calorosi applausi ed entusiastiche grida del pubblico, quasi da concerto pop, ma la prima parte è all’insegna della compostezza e della sobrietà, con la proverbiale musicalità e varietà di sfumature vocali che li contraddistingue. Tra un movimento e l’altro della splendida Missa Papae Marcelli di Palestrina si alternano un Magnificat di Lasso, una Ave Maria di Philips, una splendida Beata viscera di Byrd, due carols tradizionali e poi inni mariani moderni e contemporanei: due mottetti di Poulenc, il delicatissimo e dolente Salve Regina e il toccante O magnum mysterium che dà il titolo al concerto, il soave omaggio alla Vergine di Pierre Villette in francese, e il floreale grembo di Maria dal quale è nato Gesù di John Joubert in inglese e latino. L’intervallo è scambiato per la fine del concerto dalla galleria - dove è la parte più giovane ed entusiasta del pubblico – che li reclama a gran voce, al punto che lo straordinario David Hurley, nel gruppo da oltre vent’anni, è costretto a risalire sul palco per spiegare che si tratta solo di una pausa. Nella seconda parte il registro è puramente devozionale: i sei si dispongono frontalmente lasciandosi alle spalle i leggii e si avventurano nel canzoniere popolare iberico e in particolare catalano, e poi giocano in casa con una serie di carols e uno spiritual non specificati nel programma di sala. Applausi, grida, fischi (di incitamento e richiamo in scena) si sprecano e ad ogni successivo bis affiorano l’ironia e lo humour dell’ensemble anglosassone che saluta il pubblico con uno scattante Jingle Bell, dando immediato appuntamento nel bookshop del Parco della Musica, per firmare programmi e cd e scambiare gli auguri di Buon Natale. Ed è ancora un fioccare di applausi.

Interpreti: David Hurley, Timothy Wayne-Weight - controtenori Paul Phoenix - tenore Christopher Bruerton, Christopher Gabbitas - baritoni Jonathan Howard - basso

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Mozart e Brahms: interpretazioni diversissime e risultati egualmente splendidi, con l’Orchestra Giovanile Luigi Cherubini in gran spolvero

classica

Nella città natale del compositore va in scena un deludente allestimento della Grand Duchesse de Gérolstein

classica

Inaugurato il progetto RegioInsieme del Teatro Regio di Parma dedicato agli spettatori sensibili