Sistema "Solaris"

Applaudito esordio scenico per Fujikura, al Théâtre des Champs Élysées

Recensione
classica
Théatre des Champs-Elysées, Parigi
05 Marzo 2015
Bolle di suono elettronico si effondono in sala quando ancora il pubblico sta prendendo posto: forse, una piccola reminescenza di Solaris di Tarkovskij, nel Solaris del 37enne Dai Fujikura. Il lavoro sembra non cercare un confronto diretto col film, tanto da affacciarsi dalla scena con una proiezione silenziosa in 3D (firmata Ulf Langheinrich) che, per entrare nella problematica della teoresi dell’irriducibile alla ratio umana, punta piuttosto alla fantasmagoria visionaria del romanzo di Lem. Lo spunto visivo rimane però accantonato, riemergendo - efficacemente - solo alla fine di una pièce che porta al minimo (4) i personaggi, sdoppiandoli in mimi-danzatori e cantanti; la messinscena di Saburo Teshigawara asseconda con discreti risultati tale essenzialità, e lascia spazio a una partitura musicale molto ben scritta, soprattutto sul piano strumentale. La vocalità è invece una sintesi del declamato secondo-Novecento, ma almeno in avvio si affatica (con toni iper-lirici) su un libretto che, per quanto sintetico, s’incaglia in più occasioni. Anche altri aspetti della drammaturgia musicale risultano troppo squadrati, fino al didascalico (ad es. la caratterizzazione timbrico-strumentale in alcuni dialoghi vocali), mentre alcuni dettagli della regia appaiono inutilmente sovraccarichi (quale senso, i costumi iniziali dei cantanti?); ma il lavoro prende un buon passo dal compleanno di Shnaut, ed essendo il primo scenico - nonché proibitivo nel soggetto, recentemente musicato da Glanert - di Fujikura va perciò encomiato, come la sua realizzazione di livello assai alto: solidissime le voci cantanti di Sarah Tynan, Leigh Melrose, Tom Randle e Callum Thorpe, i performer in scena, e la realizzazione elettronica dell’Ircam, con applausi calorosi per tutti da una sala gremita.

Note: Opéra in quattro atti (2015) Libretto di Saburo Teshigawara, dal romanzo eponimo di Stanislaw Lem Materiale estratte dal film Solaris di Andrej Tarkovskij con la gentile autorizzazione di Mosfilm. Realizzazione informatico-musicale Ircam, a cura di Gilbert Nouno Foto di scena © Vincent Pontet

Interpreti: Sarah Tynan: Hari Leigh Melrose: Kris Kelvin Tom Randle: Shnaut Callum Thorpe: Gibarian Marcus Farnsworth: Kelvin (voce recitante)

Regia: Saburo Teshigawara

Scene: Saburo Teshigawara - Ulf Langheinrich (per le immagini 3D)

Costumi: Saburo Teshigawara

Corpo di Ballo: Saburo Teshigawara, Rihoko Sato, Václav Kuneš, con la partecipazione di Nicolas Le Riche

Coreografo: Saburo Teshigawara

Orchestra: Ensemble InterContemporain

Direttore: Erik Nielsen

Luci: Saburo Teshigawara, con la collaborazione di Ulf Langheinrich

Se hai letto questa recensione, ti potrebbero interessare anche

classica

Duro e poetico l’allestimento firmato Deborah Warner

classica

Un bel concerto al Teatro del Maggio Musicale Fiorentino con Federico Maria Sardelli sul podio per l’avvio delle attività del neonato Istituto Giovanni Battista Lulli.

classica

Mariangela Vacatello ha accostato il compositore russo a Chopin, Liszt e Debussy